Quotidiani locali

Addio Ema. Sorteggio beffa Milano

La nuova sede dell’Agenzia del farmaco che lascia Londra sarà Amsterdam. Svanisce un volume d’affari stimato in 1,5 miliardi. Lo sconforto di Gentiloni

Ema, Milano beffata al sorteggio, Sala: "Condannati dal sorteggio e dai giochi politici" “Delusione forte, ma Milano sta agendo da capitale. Non ho rimpianti perché è assurdo essere esclusi da un bussolotto, sostengo che sia tutto regolare, ma normale no”. Commenta così il sindaco di Milano, Beppe Sala, la sconfitta di Milano nella gara con Amsterdam per ospitare la nuova sede dell'Agenzia europea del farmaco, terminata con un sorteggio, dopo il pareggio tra le due città al terzo turno delle votazioni. di Edoardo Bianchi

ROMA. La roulette russa della fortuna beffa Milano. L’assegnazione dell’Agenzia europea per il farmaco che dovrà lasciare Londra causa Brexit nel 2019, sfuma nel peggiore dei modi: con un sorteggio e una pallina che contiene il nome della città vincitrice estratta da un bussolotto trasparente come in una qualsiasi lotteria. L’Ema (European medicines agency) si prepara dunque a trasferirsi ad Amsterdam, arrivata al ballottaggio con il capoluogo lombardo.

Milano perde l'Ema, Confcommercio: "Sorteggio assurdo, era pronta la sede" "E' assurdo e ingiusto un sorteggio per assegnare l'Ema. Il caso non può decidere il destino di un'agenzia così importante e strategica per l'Europa. Milano aveva già pronta la sede per 800 lavoratori": così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. "Detto questo Milano e il Paese ne escono a testa alta . Istituzioni, politica e mondo delle imprese hanno fatto un grande gioco di squadra a prescindere dalle appartenenze che ci ha portato a un passo dalla vittoria".intervista di Stefano GaleottiRadio Capital

Ma la modalità della scelta solleva perplessità e polemiche, che investono anche la designazione della nuova sede dell’Eba (European banking authority), l’autorità bancaria, che viene anche questa assegnata a sorte a Parigi, arrivata al testa a testa finale con Dublino dopo l’esclusione a sorpresa della favorita Francoforte. Entrambe le istituzioni, ironia della sorte, sono attualmente guidate da italiani. Direttore esecutivo dell’Ema, che ha la responsabilità della valutazione scientifica, della supervisione e della vigilanza di tutti i farmaci umani e veterinari commercializzati in Europa, è infatti il microbiologo italiano Guido Rasi, mentre l’economista Andrea Enria è a capo dell’Eba. Nonostante la delusione, l’Italia sceglie il fair play: «Congratulazioni e buon lavoro all’Olanda» twitta la rappresentanza italiana presso la Ue. «Grazie, è un onore» rispondono i partner dei Paesi Bassi.

Milano perde Ema, Maroni: "Paradigma dell'Europa che non sa decidere e si affida alla sorte" "C'è un sentimento di delusione e tristezza per come siamo stati battuti, ovvero attraverso un sorteggio. Non voglio fare dietrologie ma se avessero votato tutti, il pareggio non ci sarebbe stato". Commenta così il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, la sconfitta al sorteggio con Amsterdam che ha determinato la vittoria della capitale olandese che ospiterà la nuova sede dell'Agenzia europea del farmaco.(di Edoardo Bianchi)


Ma il sorteggio – il metodo deciso nello scorso mese di giugno dal Consiglio dei ministri della Ue, probabilmente per evitare mercanteggiamenti e giochi politici – finisce per imbarazzare Bruxelles, perché consegna al mondo l’impressione di un’Unione europea incapace di decidere, come sottolinea il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, e offre un assist imprevisto alle forze euroscettiche che assumono sempre maggiore forza nella Ue. Per Milano e per l’Italia è la perdita di una agenzia internazionale prestigiosa, ma anche di un formidabile indotto. Con uno staff di 775 addetti e oltre cinquemila persone che gravitano attorno all’agenzia e un budget di 325 milioni di euro, l’Ema genera infatti un volume d’affari stimato in più di 1,5 miliardi di euro.

Milano perde l'Ema, D'Argenio: "Qualcuno sul fronte mediterraneo ha tradito l'Italia" Milano perde al sorteggio l'Agenzia europea per il farmaco, mentre Francoforte favoritissima perde l'Eba, l'Agenzia europea per le banche. La cancelliera tedesca Angel Merkel paga l'incertezza del suo nuovo governo saltato. Roma invece paga un sistema di voto poco trasparente e il tradimento politico di qualche Paese, anche sul fronte mediterraneo. il commento di Alberto D'Argeniomontaggio Elena Rosiello

«Una candidatura solida sconfitta solo da un sorteggio. Una beffa!» twitta il premier Paolo Gentiloni, che aveva impegnato il governo a sostegno della candidatura italiana, assegnando all’ex ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi, il compito di seguire il dossier in Europa.

Milano era risultata la candidata più votata (19 le città in corsa) nei primi due turni: 25 punti contro i 20 conquistati rispettivamente da Amsterdam e da Copenaghen al primo round. Al secondo, Milano ha ottenuto 12 preferenze, Amsterdam 9 e Copenaghen 5: il totale fa 26 perché la Slovacchia, inizialmente data in pole position, evidentemente delusa per il mancato passaggio al secondo turno di Bratislava (15 punti alla prima votazione), si è astenuta. È stata questa scelta a determinare la situazione di parità al terzo turno: i 26 si sono equamente divisi fra Milano e Amsterdam, determinando la parità alla terza votazione. La ruota ha invertito il suo giro, e con il sorteggio è arrivata al sconfitta. Fonti diplomatiche europee sembrano confermare «un mercato stupefacente» tra le diverse votazioni per designare le sedi di Ema ed Eba. Il Pirellone, che avrebbe dovuto ospitare gli uffici dell’agenzia e che era pronto a illuminarsi per festeggiare la vittoria, resta spento. A palazzo Pirelli dunque resterà il Consiglio regionale lombardo: nessun trasloco in vista per dipendenti e consiglieri.

Festa annullata anche a Francoforte, favoritissima per ospitare la sede dell’autorità bancaria e uscita dalla corsa alla seconda votazione con appena 4 preferenze, dietro a Dublino, con 13, e a Parigi, con 10. Anche la Francia ottiene la vittoria – dopo un ballottaggio – finito in parità con il sorteggio. Ma si sa, quando si vince non si guarda a certi dettagli. «È il riconoscimento dell’attrattività e dell’impegno europeo della Francia. Felice e fiero del nostro Paese» afferma il presidente Emmanuel Macron in un tweet.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista