Quotidiani locali

Treno deragliato a Pioltello: la tavoletta di legno era da mesi sulla rotaia

Il dettaglio in alcuni documenti al vaglio degli inquirenti: il pezzo di legno sistemato sotto al giunto usurato della rotaia era lì da diversi mesi. L'incidente ferroviario provocò il 25 gennaio tre morti - tutte donne - e quesi cinquanta feriti

Treno deragliato, le immagini ravvicinate tra i vagoni accartocciati Ecco quello che resta del treno deragliato a Pioltello, nell'hinterland milanese: le immagini ravvicinate mostrano alcuni vagoni accartocciati attorno a un palo e ciò che resta delle lamiere che hanno tenuto prigioniere diverse decine di persone prima dell'arrivo dei soccorsi.di Francesco Gilioli

MILANO. Sarebbe stata piazzata sotto il giunto usurato della rotaia 'incriminata' alcuni mesi prima dell'incidente ferroviario del 25 gennaio scorso, quella tavoletta di legno "tampone" rinvenuta nel cosiddetto "punto zero" dove è deragliato il treno regionale, un chilometro prima della stazione di Pioltello (Milano), provocando tre morti e quasi cinquanta feriti.

Il binario usurato della ferrovia nei...
Il binario usurato della ferrovia nei pressi di Pioltello

Il dettaglio emerge, da quanto si è saputo, da alcuni documenti al vaglio di inquirenti e investigatori nell'inchiesta che vede al momento indagate otto persone, tra vertici e tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e Trenord, società anche loro coinvolte in base alla legge sulla responsabilità amministrativa degli enti.

Treno deragliato a Pioltello, le riprese dall'elicottero della Polizia Nelle immagini riprese dall'elicottero della Polizia di Stato le carrozze del treno della ferrovia Trenord deragliate nei pressi di Pioltello, alle porte di Milano

leggi anche:

Già alcune ore dopo l'incidente, gli investigatori della Polfer avevano trovato sotto il giunto, con vari problemi di usura, quella "staffa" di legno che sarebbe stata collocata lì probabilmente da una squadra di operai. Messa in quel punto, qualche mese prima del disastro, per sostenere la rotaia ed evitare che, forse a causa di un cedimento della massicciata, battesse contro le pietre al passaggio dei treni che continuamente transitano su quella tratta. Proprio nel "punto zero", tra l'altro, si staccò un pezzo di 23 centimetri della rotaia proprio sopra il giunto e da lì il terzo vagone del convoglio, in particolare, iniziò a deragliare e si fermò, come il resto del treno, oltre un chilometro dopo la stazione di Pioltello, dopo aver abbattuto quattro pali.

Milano, le carrozze accartocciate del treno dopo il deragliamento Due vittime accertate e decine di feriti, di cui alcuni gravissimi. E' il bilancio temporaneo dopo il deragliamento di un treno delle ferrovie Trenord, avvenuto a Pioltello alle porte di Milano

Tutti elementi, quelli che riguardano la rotaia e il binario, che vengono valutati, sotto il profilo di possibili carenze nella manutenzione, nell'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano e dai pm Maura Ripamonti e Leonardo Lesti e che vede al centro i reati di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni gravi e violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro in relazione ai controlli e alla manutenzione. Gli accertamenti, tra l'altro, come richiesto anche dalla difesa di Rfi, si concentreranno anche sul convoglio e nello specifico sui carrelli, sulle ruote e sui freni. Andrà verificato, infatti, secondo la difesa di Rfi, se il sistema frenante del terzo vagone potesse essere obsoleto.

Milano, il treno deragliato e i primi soccorsi Nelle immagini che arrivano da Seggiano di Pioltello, alle porte di Milano, una delle carrozze uscite dai binari di un treno delle ferrovie Trenord. Sul posto le forze dell'ordine e i mezzi di soccorso: ci sono vittime e feriti, tra questi alcuni gravisssimi

leggi anche:

c

Treno deragliato a Pioltello, tre vittime. Parzialmente riaperta la linea

L'incidente alle 6.57 del 25 gennaio 2018 tra Pioltello e Segrate. Il Trenord 10452 con a bordo pendolari era partito da Cremona ed era diretto alla stazione milanese di Porta Garibaldi. Il questore: cedimento tra i vagoni. Si indaga per disastro ferroviario colposo. Identificate le tre vittime: Pierangela Tadini, 51enne originaria di Caravaggio ma residente a Vanzago (Milano); Giuseppina Pirri, 39 anni, di Cernusco sul Naviglio (Milano); Ida Maddalena Milanesi, 61 anni, di Caravaggio (Bergamo)

La prossima settimana, intanto, dovrebbe tenersi una riunione tra inquirenti e consulenti per valutare con quali modalità compiere ogni singolo accertamento su tutti i pezzi di binario e vagoni (le analisi riguardano anche la 'scatola nera') che sono stati rimossi in questi giorni e trasferiti in un apposito hangar. Saranno probabilmente necessari "accertamenti tecnici irripetibili", ossia alla presenza anche dei consulenti delle difese, e bisognerà valutare, poi, anche se chiedere al gip un incidente probatorio per 'cristallizzare' le prove in vista del processo. Ipotesi, però, quest'ultima che appare al momento meno probabile. Nel frattempo, proseguono ancora le operazioni di rimozione dei vagoni e quando saranno completate, probabilmente entro il fine settimana, l'area dove è avvenuto l'incidente verrà dissequestrata dai pm.

Incidente di Pioltello: tagliati i binari dove è iniziato il deragliamento Sei metri di binario sono stati tagliati con una sega circolare all'altezza del 'punto zero', il tratto dove il regionale Cremona-Milano Garibaldi ha iniziato presumibilmente la fase di deragliamento che si è conclusa oltre la stazione di Pioltello. Il tratto di binario è stato quindi trasportato in un hangar a Melzo. I tecnici della ditta incaricata da Rfi dopo la rimozione dei binari inizieranno i lavori per trasferire nell'hangar anche i vagoni del treno deragliatodi Francesco Gilioli

Treno deragliato, le scintille alla stazione di Pioltello prima del disastro Pochi istanti prima del deragliamento, avvenuto alle 6.57 del 25 gennaio 2018, il regionale Trenord sfreccia nella stazione di Seggiano di Pioltello. Nelle immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza, il passaggio del convoglio provoca delle scintille. A bordo del treno c'erano 350 persone, la maggior parte pendolari. E' stata aperta un'inchiesta per determinare le cause del deragliamento. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana, poche ore dopo l'incidente, hanno ravvisato un cedimento strutturale del binario 2,3 km prima del luogo in cui i vagoni hanno terminato la loro corsa. Non è ancora chiaro se sia stata questa la causa del deragliamentoa cura di Sandro De Riccardis

Treno deragliato, a Pioltello le operazioni di rimozione del primo vagone E' cominciato il trasferimento dei vagoni del treno regionale deragliato nell'incidente ferroviario del 25 gennaio a Pioltello (Milano) e che ha causato la morte di 3 persone e il ferimento di altre 46. "Oggi cominceremo a lavorare sulla carrozza numero uno, non credo che arriveremo alla due e tantomeno alla tre, quella più danneggiata - ha detto Marco Napoli, dirigente della polizia giudiziaria della Polfer -. La modalità di smantellamento prevede la divisione della parte inferiore, quella con i carrelli, dalla 'carrozzeria' superiore, e poi il carico su autoarticolati". Al momento non è ancora stato definito il luogo definitivo dove portare le varie parti del convoglio (dopo una prima ipotesi che riguardava un hangar Trenord alla stazione di Greco-Pirelli) che è in via di ulteriore individuazione

Treno deragliato, i funerali delle vittime. La figlia di Ida Milanesi: ''Sarai sempre un esempio'' Si sono tenuti i funerali di due delle tre donne vittime del disastro ferroviario di Pioltello dello scorso 25 gennaio. A Caravaggio, in provincia di Bergamo, quello di Ida Maddalena Milanesi Tagliaferri, 61 anni, neurologa all'Istituto Besta di Milano. A Capralba, in provincia di Cremona, quelli di Giuseppina Pirri, impiegata trentanovenne. La figlia di Ida Milanesi durante le esequie: ''Eri appassionata e disponibile anche quando non lavoravi. Sarai sempre un esempio''di Edoardo Bianchi

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori