Quotidiani locali

Il giorno del no alla camorra

Bomporto. Caso Coppola: sindaci e magistrati alla manifestazione

 BOMPORTO. Ci sará anche un magistrato della Direzione nazionale antimafia, la dottoressa Anna Canepa, oggi a Sorbara. Formalmente per la manifestazione contro le mafie, organizzata dai Comuni del distretto. Di fatto anche per la ormai nota vicenda di Egidio Coppola, l'ex camorrista scarcerato nei giorni scorsi da Parma e trasferitosi proprio a Sorbara.  Coppola ora vive con moglie e figli in un appartamento preso in affitto a pochi metri dal parco dei Tigli, dove oggi alle 9.30 il sindaco Alberto Borghi aprirá la manifestazione, per sottolineare tra l'altro la contrarietá di un territorio giá particolarmente "infiltrato" da camorristi alla concessione della residenza a Coppola.  Residenza cui il 53enne campano ha diritto, a meno di una decisione diversa dei magistrati dell'Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che in settimana dovevano esaminare la sua posizione. Per Coppola si prospettano infatti cinque anni di "sorveglianza", misura di sicurezza adottata dopo il carcere.  L'uomo, artigiano edile, condannato per le estorsioni di Camorra (era considerato un braccio destro del boss Bidognetti), ha detto di avere diritto alla "riabilitazione". Attualmente di giorno deve restare nel Comune di Bomporto, e di sera a casa, dove finora puntualmente ci sono i controlli dei carabinieri. Anche perchè, la sera stessa del suo arrivo, era stata notata la "visita" preoccupante di un altro noto personaggio che abita nella Bassa, considerato vicino ad ambienti della Camorra.  «Ho pagato il mio debito con la giustizia, chiedo di poter dare una opportunitá a me e alla mia famiglia», aveva detto alla Gazzetta, mentre la moglie aveva annunciato di voler partecipare alla manifestazione di oggi, organizzata assieme alle associazioni "Libera" e "Pace e solidarietá".  Alla iniziativa hanno dato la loro adesione circa la metrá dei sindaci modenesi. Ci sará anche il sindaco di Niscemi, Giovanni Di Martino, presidente dell'associazione "Avviso Pubblico", coordinamento delle pubbliche amministrazioni contro le mafie, Pier Paolo Romani e Giancarlo Trevisone, impegnati anche loro in prima persona.  Dopo la celebrazione e i discorsi,
la comitiva si trasferirá alle scuole elementari di Sorbara, per fare il punto della situazione. Con interrogazioni e iniziative politiche, intanto, continuerá la pressione per far spostare Coppola a Piacenza, dove risultava destinato. L'uomo ha spiegato che a Piacenza aveva abitato anni fa.

I COMMENTI DEI LETTORI

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.