Menu

Vai alla pagina su Terremoto in Emilia
dopo le scosse chiesa inagibile

Operaio si butta dal balcone e si frattura le gambe

CONCORDIA - Il panico del terremoto ha colpito duro. Anche chi non è rimasto sotto le macerie si è ritrovato ferito nell’anima e nel corpo, finendo all’ospedale sotto shock. Il caso limite è quello...

CONCORDIA - Il panico del terremoto ha colpito duro. Anche chi non è rimasto sotto le macerie si è ritrovato ferito nell’anima e nel corpo, finendo all’ospedale sotto shock.

Il caso limite è quello di un operaio maghrebino di Concordia che terrorizzato dalle scosse si è affacciato sul balcone e si è lanciato in strada dal primo piano. Il panico e il buio hanno fatto il resto: l’uomo si è fratturato tutte e due le gambe ed è uno dei feriti più gravi del paese, che per il resto non ha avuto infortunati di rilievo.

Per evitare altri pericoli anche l’orario delle funzioni religiose è stato ridotto all’indispensabile. Per prudenza il parroco don Franco Tonini ha celebrato messa nel cortile; con una scritta a pennarello su un foglio sulla porta della canonica, il presule ha informato i fedeli delle variazioni. La chiesa

del resto è completamente inagibili. Una volta in corrispondenza dell’altare maggiore, a quanto riferisce chi ha potuto dare un’occhiata dentro, è crollata e lo stesso è avvenuto per altre due lì vicino. Inevitabile quindi procedere a una chiusura totale dell’edificio sacro. (s.c.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro