Menu

progetto ue e delle politiche agricole

A scuola si fa “lezione” di frutta

Programma di educazione alimentare per oltre 50mila ragazzi

È in pieno svolgimento in Emilia Romagna il progetto “Frutta nelle scuole - Se la mangi ti frutta”, terza annualità del programma di educazione alimentare per gli alunni delle scuole primarie promosso dall'Unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole. Il Progetto riguardante la Regione Emilia Romagna, è stato presentato martedì ieri nel Circolo La Fattoria di Bologna da: Tiberio Rabboni, assessore regionale all’Agricoltura, economia ittica, attività faunistico-venatoria; Mario Tamanti, direttore Apofruit Italia; Giorgia Faedi, responsabile relazioni scuole Apofruit Italia; Massimo Brusaporci; direttore Alimos; ed Elide Giordani, giornalista.

Si tratta, in sostanza, di una distribuzione gratuita di frutta e verdura fresca e rigorosamente di origine italiana, fatta direttamente in scuole elementari, che in Emilia Romagna interessa 50.792 ragazzi di 278 scuole primarie, per un totale di 343.300 chilogrammi, accompagnata e supportata da eventi e materiali informativi, realizzati per dare maggiore efficacia all'azione educativa intrapresa.

Un’operazione che vede Modena particolarmente sensibile al tema. Per quanto riguarda la sola provincia di Modena, “Frutta nelle scuole” è rivolto a 58 plessi scolatici per 13.057 alunni delle Primarie, fra cui scuole del capoluogo e di Carpi, Formigine Pavullo, Sassuolo, Pievelago, Sestola, Serramazzoni, Spilamberto,Castelnuovo Rangone, tanto per citare.

L’iniziativa è resa possibile

dall'impegno della Organizzazione di Produttori Apofruit Italia, con il supporto di Alimos, e indirizzata ad una corretta educazione alimentare per i ragazzi tra i sei e gli undici anni, notoriamente più attratti dagli ipercalorici cibi snack più che dall'ottima e salutare frutta.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro