Menu

Vai alla pagina su Terremoto in Emilia

Europei: i maxischermi regalano sorrisi

A Medolla, Finale, Mirandola e Fossoli c’erano gli impianti della Rai; a San Felice invece i volontari si sono arrangiati in autonomia

di Manuele Palazzi

La Nazionale di calcio ha “collettivamente distratto” ieri pomeriggio alcune centinaia di terremotati dal dramma che stanno vivendo.

In quattro paesi, a Medolla presso lo stadio comunale, a Mirandola in via Dorando Pietri, presso il parcheggio del palazzetto dello sport a Finale ai giardini de Gasperi (di fronte all’Erg) via Dante e a Fossoli presso il campo sportivo (vicino alla parrocchia, strada provinciale, “bretella”) la Rai in collaborazione con la Uisp ha infatti allestito 4 maxischermo per la diretta della partita di esordio ai campionati europei, contro la Spagna.

A Finale tanti appassionati si sono date appuntamento persone di tutte le età, con l’intento di trascorrere per 90 minuti di spensieratezza con lo sport. Circa 300 persone in giro per i giardini e i bar limitrofi, e puntualmente la presenza delle tv nazionali, presenti a documentare la giornata e cogliere quel tipo di emozioni da “terremotato” sulle quali in questi giorni non sono mancate le polemiche.

A fine primo tempo c’è stata l'incursione musicale di una grande orchestra di fiati e percussioni, formata dalla banda "Roncati" di Bologna, con elementi da Milano e Roma, per un totale di quasi 100 suonatori, che hanno continuato poi la loro marcia verso il centro storico e in direzione di Massa, per ritornare a Manitese, dove si erano dati appuntamento.

I tanti spettatori si sono così lasciati andare a esultanze e sconforti durante le azioni decisive della partita. Poi il rientro alla condizione abituale ormai da settimane: chi già a casa, chi in abitazioni di fortuna, a fare i conti con la dura realtà.

Un centinaio coloro che hanno seguito invece la partita a Medolla. «Quasi ci credevo - racconta Giuseppe, sfollato di casa e tifoso - ma gli spagnoli sono una gran bella squadra. L’Italia del calcio che si è vista oggi è come noi, però: sa lottare...». A Medolla sono rimasti a guardare il match contro i campioni del mondo anche i campioni regionali di basket Uisp, la squadra Passalà di Rimini, che in mattinata avevano giocato con i bambini della tendopoli per un altro momento di svago cestistico. Lo schermo era stato montato nel parcheggio tra lo stadio e il terreno di gioco, con le seggiole. Peccato solo per la pioggia, che ad un certo punto ha spinto qualcuno ad andarsene. Tutti hanno invece apprezzato il servizio e l’assistenza: due frigo

a disposizione per le bevande e a fine primo tempo anche le paste.

Curiosamente, lo schermo Rai era atteso anche a San Felice, dove non è mai arrivato. Ha rimediato l’associazione locale “Senza fili” che ha montato lo schermo al campo delle scuole medie. E anche lì tifo scatenato.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro