Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pavullo, ladri con oro e gioielli catturati dai carabinieri

La refurtiva rubata alla gioielleria Corsinotti, per un valore ammontante a circa 150mila euro è stata restituita al proprietario. I Carabinieri hanno anche individuato l’autovettura utilizzata dai tre, una Fiat Punto che avevano parcheggiato a breve distanza e di proprietà di uno di loro.

Tre pregiudicati napoletani, residenti nel capoluogo partenopeo, di età compresa tra i 55 e 65 anni, sono stati arrestati ieri sera dai Carabinieri della Compagnia di Pavullo nel Frignano per furto aggravato in concorso. Erano stati notati da una pattuglia lungo via Giardini mente si stavano allontanando, con atteggiamento sospetto, trasportando due pesanti borsoni. Dopo averli fermati, i militari hanno scoperto che i borsoni contenevano oro e preziosi. Coadiuvati da un’altra pattuglia sopra ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Tre pregiudicati napoletani, residenti nel capoluogo partenopeo, di età compresa tra i 55 e 65 anni, sono stati arrestati ieri sera dai Carabinieri della Compagnia di Pavullo nel Frignano per furto aggravato in concorso. Erano stati notati da una pattuglia lungo via Giardini mente si stavano allontanando, con atteggiamento sospetto, trasportando due pesanti borsoni. Dopo averli fermati, i militari hanno scoperto che i borsoni contenevano oro e preziosi. Coadiuvati da un’altra pattuglia sopraggiunta, i militari hanno poi subito accertato che i tre avevano poco prima perpetrato un furto ai danni della gioielleria “Corsinotti” proprio in via Giardini. Nel corso della perquisizione sono stati anche rinvenuti gli attrezzi utilizzati per forzare la saracinesca della gioielleria e due fiamme ossidriche di piccole dimensioni. La refurtiva, per un valore ammontante a circa 150.000 euro è stata restituita al proprietario. Infine, i Carabinieri hanno anche individuato l’autovettura utilizzata dai tre, una Fiat Punto che avevano parcheggiato a breve distanza e di proprietà di uno di loro.