Quotidiani locali

In bici contro una moto: muore 46enne

Spilamberto. La vittima, Paola Venturelli, è stata travolta da una Ducati su via per Castelnuovo. Gravissimo il centauro

SPILAMBERTO. Stava attraversando via per Castelnuovo, per passare da un lato all’altro della carreggiata e riprendere la pista ciclabile, ma non ce l’ha fatta. È stata travolta da una motocicletta che, proveniente da Spilamberto, stava proprio in quel momento imboccando la curva all’altezza dell’incrocio con via Aldo Moro. È morta così Paola Venturelli, 46 anni; l’incidente è avvenuto intorno alle 19.30 di giovedì.

Gravissime le ferite che aveva riportato nell’impatto; era volata dalla sella finendo sull’asfalto quaranta metri oltre l’incrocio. Il personale di soccorso si è accorto immediatamente che la corsa verso l’ospedale sarebbe stata un tentativo disperato e così è stato; la donna è morta pochi minuti dopo essere salita sull’ambulanza.

Gravissime anche le condizioni del motociclista, Massimiliano Simoni, 45 anni, residente a Sassuolo. L’uomo, dopo l’impatto, ha perso il controllo del mezzo, cadendo di sella, scivolando per circa un centinaio di metri e finendo incastrato sotto il guard rail. La moto, una Ducati, ha proseguito la sua corsa finendo accanto ad alcuni cassonetti a lato della strada.

Ora l’uomo è ricoverato all’ospedale di Baggiovara in prognosi riservata.

Il rumore dello schianto e le grida hanno richiamato l’attenzione di un veterinario che, con la famiglia, abita all’incrocio tra via per Castelnuovo e via Viazza, proprio di fronte al punto dove si è verificato l’incidente. L’uomo si è precipitato in strada e ha chiamato subito i soccorsi. La centrale operativa del 118 ha inviato sul posto le autoambulanze e sono arrivati anche gli agenti della polizia stradale di Modena che hanno eseguito i rilievi di legge per ricostruire con esattezza la dinamica e stabilire così eventuali responsabilità.

Da una prima ricostruzione, pare che Paola Venturelli, che era in sella ad una bicicletta da corsa e indossava una tenuta sportiva da cicloamatore, sia uscita dalla pista ciclabile sul versante di via Aldo Moro e abbia attraversato via per Castelnuovo per riprendere la ciclabile sul lato opposto della carreggiata. In quel punto c’è anche un sottopassaggio, ma spessissimo i ciclisti preferiscono attraversare sulla strada per motivi di sicurezza e comodità. Capita infatti che nel sottopassaggio stazionino individui che soprattutto le donne preferiscono evitare, inoltre molti impiegano meno tempo ad attraversare la strada, benchè in quel punto l’attraversamento possa rappresentare in effetti un certo rischio.

Paola Venturelli pare lavorasse in un’azienda della Bassa parzialmente danneggiata dal terremoto del maggio scorso e fosse rientrata al lavoro da poco, dopo la sistemazione della struttura. La donna lascia i genitori, Norberto Venturelli e Anna Gibellini. La salma è stata trasportata all’istituto di medicina legale per gli accertamenti autoptici e nei prossimi giorni sarà fissata la data del funerale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia Gazzetta di Modena
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.

^M