Menu

il sindaco di guiglia

«Polo sicurezza, pagheremo solo se si riducono i costi»

Il Comune di Guiglia frena sul polo della sicurezza, la struttura che sorgerà a Vignola sulla Circonvallazione e che dovrebbe accogliere vigili del fuoco, Municipale e Protezione Civile. Ad...

Il Comune di Guiglia frena sul polo della sicurezza, la struttura che sorgerà a Vignola sulla Circonvallazione e che dovrebbe accogliere vigili del fuoco, Municipale e Protezione Civile. Ad affermarlo è il sindaco di Guiglia, Monica Amici: «Da anni è scritto di non includere il Comune di Guiglia nei riparti di spesa del Polo della sicurezza. È un progetto di iniziativa del Comune di Vignola e inoltre la prevenzione e l’estinzione degli incendi è materia di competenza esclusiva dello Stato. Tuttavia, consapevoli dell’importanza di avere vicino un presidio antincendi, potremmo rivedere la nostra opinione a condizione che si riduca drasticamente l’importo di spesa, che sfiora oggi i 4 milioni di euro. Si deve attivare un contatto con la direzione regionale, il comando provinciale dei vigili del fuoco e con il ministero dell’Interno per concordare la partecipazione dello Stato alla realizzazione. Chiedo poi ai colleghi sindaci una riflessione sull’opportunità di convocare la proprietà dello stabile di via dell’Industria, dove sono ora i pompieri, e chiedere la riduzione dell’affitto. O, se c’è la disponibilità del proprietario a vendere, potremmo valutare noi l’acquisto e avere la caserma con una spesa accettabile». Replica l’assessore alla sicurezza dell’Unione, Francesco

Lamandini: «L’acquisto della caserma dei vigili del fuoco non è una percorribile perchè abbiamo ricevuto 700 mila euro dallo Stato per fare un polo della sicurezza. Mi sembra di capire che Guiglia non dicendo no, ma chiede garanzie. Affronteremo il confronto». (m.ped.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro