Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Patto stabilità, arrivano 30 milioni

Dalla Regione boccata d’ossigeno per i comuni della provincia

Grazie alla legge regionale sul patto di stabilità territoriale, la Giunta della Regione, ha sbloccato nel 2012 complessivamente quasi 200 milioni di euro di potenzialità di spesa per Comuni e Province che potranno usare le risorse che hanno in cassa per pagare fornitori e aziende che hanno già fatto opere sul territorio. A comunicarlo sono i consiglieri modenesi del Pd Luciano Vecchi, Stefano Bonaccini e Palma Costi, che sottolineano: «Grazie alla delibera approvata dalla Giunta sono ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Grazie alla legge regionale sul patto di stabilità territoriale, la Giunta della Regione, ha sbloccato nel 2012 complessivamente quasi 200 milioni di euro di potenzialità di spesa per Comuni e Province che potranno usare le risorse che hanno in cassa per pagare fornitori e aziende che hanno già fatto opere sul territorio. A comunicarlo sono i consiglieri modenesi del Pd Luciano Vecchi, Stefano Bonaccini e Palma Costi, che sottolineano: «Grazie alla delibera approvata dalla Giunta sono stati concessi al territorio di Modena 30 milioni 226.691 euro». Per 29 comuni si tratta di una vera e propria boccata d’ossigeno: Bomporto 540mila, Campogalliano 916mila, Carpi 6 milioni 132mila euro. Castelfranco Emilia 2 milioni 81 mila. Castelnuovo Rangone 111 mila 683, Castelvetro di Modena 118mila, Cavezzo 780mila, Concordia sulla Secchia 660mila, Finale Emilia 1 milione 720mila euro, Fiorano Modenese 367mila 145, Formigine 407mila 302, Maranello 186mila 718, Medolla 526mila 692, Mirandola 2 milioni 46mila euro, Modena 6 milioni 689mila euro, Nonantola un milione 62mila euro, Novi di Modena 585mila euro, Pavullo nel Frignano 221mila 990, Ravarino 575mila 746, San Cesario sul Panaro 153mila 402, San Felice sul Panaro 855mila euro, San Prospero 416mila 526 Sassuolo 572mila 186, Savignano sul Panaro 194mila 627, Serramazzoni 128mila 505, Soliera un milione 335mila, Spilamberto 182 mila euro, Vignola 637mila, Zocca 20mila 304. Soddisfatto l’assessore al Bilancio di Modena Boschini «Prevedendo questo intervento della Regione, avevamo annunciato che non sarebbe stato necessario procedere in questa fase alla dismissione del patrimonio mobiliare, che era indicata nel bilancio preventivo per un valore di 13 milioni di euro, pur garantendo una quota di investimenti, i pagamenti in conto capitale, almeno pari a quella che prevista nel bilancio, cioè 20,5 milioni di euro». Operazione che si aggiunge alla variazione di settembre da 4 milioni di euro.