Menu

Mezzo metro di neve: black out e alberi caduti

Tutti i 67 mezzi della provincia in azione per mantenere libere le strade principali Trenta spargisale. Turbine a Frassinoro. Disagi a Pavullo, Guiglia e Montese

Tutte le località dell'Appennino si sono svegliate ieri mattina sotto una coltre bianca che va dai 30 ai 60 centimetri. Nella notte, infatti, la nevicata iniziata nel pomeriggio di domenica si è intensificata fino a cessare nelle prime ore del giorno. Una breve tregua, con anche il sole che ha fatto capolino, poi da mezzogiorno i fiocchi hanno ripreso a scendere a intermittenza. Nonostante alcuni disagi e rallentamenti fisiologici registrati soprattutto nella zona di Pievepelago e di Strettara, si circola regolarmente su tutta la rete delle strade provinciali. Nella notte tra domenica e lunedì i 67 mezzi spartineve a disposizione della Provincia hanno lavorato senza sosta per tenere pulite le strade. L'unico problema è rappresentato dai cumuli di neve che provocano la caduta di rami e fogliame sulle strade e che in molti casi hanno causato black out elettrici in diverse zone. I tecnici di Hera sono impegnati in queste ore in un lavoro straordinario per il pronto intervento elettricità: i guasti alle linee di distribuzione segnalati sono tanti, così come le abitazioni rimaste senza luce. A Sestola, domenica sera, black out di circa 20 minuti nella zona di Poggioraso e della piscina, mentre a Frassinoro le interruzioni segnalate sono state molto più brevi. Problemi anche per i cassonetti dei rifiuti e della raccolta differenziata, rimasti sepolti dalla neve. Gli operatori di Hera, che raccomandano ai cittadini di non forzare le leve per l'apertura dei bidoni al fine di evitarne la rottura, sono impegnati nel liberare dalla coltre nevosa tutti i punti di raccolta rifiuti. Tornando alla viabilità grande lavoro per il soccorso Aci di Fanano, che si occupa in queste ore anche di una zona scoperta come quella di Fiumalbo e Abetone da dove sono arrivate molte richieste di aiuto. Interventi assortiti- tra questi il soccorso di un automobilista rimasto bloccato nella notte al campeggio di Sestola- anche in tutta la zona del Cimone. Sulla Fondovalle Panaro nella zona di ponte Chiozzo, nel comune di Pavullo, gli operatori provinciali sono arrivati alle 4,30 della notte tra domenica e lunedì per sgomberare parte della carreggiata da un pioppo caduto sotto il peso della neve. Altre quattro squadre di tecnici sono al lavoro in queste ore per pulire o eliminare rami pericolanti in diversi tratti della provinciale 623 a Guglia, sulla provinciale 27 nella zona di S.Giacomo di Montese, a Pavullo sulla provinciale 26 nella zona di Castagneto e sulla sp 27 nella zona di Verica. Proprio a Verica sono intervenuti i vigili del fuoco di Pavullo per tagliare un albero che, sotto il peso della neve, stava cadendo sulla strada. In vista di un possibile calo delle temperature, ieri pomeriggio sono usciti di nuovo i mezzi spartineve, al fine di prevenire la formazione di tratti ghiacciati soprattutto nelle zone considerate più a rischio. Nonostante la tanta neve, a Pievepelago, seppur alla presenza di un solo ambulante, si è tenuto ugualmente il mercato

settimanale del lunedì. Negli istituti scolastici, invece, registrate diverse assenze: probabilmente gli alunni che arrivano dalle frazioni più lontane hanno incontrato difficoltà ad arrivare. Da segnalare l'obbligo di circolazione su tutte le arterie con catene o pneumatici da neve.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro