Menu

Appennino modenese: aumenta il pericolo valanghe Tir fermi sull’Estense

Da evitare escursioni e fuoripista. Viabilità difficile ovunque Vesale: “liberata” dai volontari una 90enne bloccata in casa

Altra giornata “in bianco” quella vissuta ieri in Appennino. Le nevicate che da giorni interessano le montagne modenesi, nonostante i consigli delle autorità sulle norme da seguire e la presenza massiccia dei 127 mezzi spalaneve messi in campo dalla Provincia, continuano a provocare disagi alla viabilità. Una volta fermata la neve, il pericolo nella notte è diventato il ghiaccio che potrebbe formarsi soprattutto in alcuni tratti critici sia in Appennino che in pianura.

A questo proposito per il transito su molte strade comunali ed alcune provinciali, soprattutto quelle che presentano pendenze significative attorno al 7-10%, i pneumatici termici spesso non sono sufficienti ma occorre montare, per non rischiare di rimanere bloccati, le catene da neve.

Da Serramazzoni a Sestola altri 20-30 centimetri di coltre bianca si sono depositati ieri su un manto che ormai quasi ovunque, dove non lo supera, sfiora il metro di altezza. Ancora problemi per i mezzi autoarticolati, come già avvenuto nei giorni scorsi, sono stati registrati lungo la Nuova Estense nel territorio di Serramazzoni. Nel tratto più ripido dell'arteria i camion che viaggiano in direzione Pavullo e verso l'alto Appennino faticano a salire e spesso rimangono bloccati a bordo strada. Per questo Polizia, Carabinieri e Vigili del fuoco pattugliano senza sosta la zona. Le squadre degli operatori provinciali sono intervenuti per tutta la giornata di ieri per pulire o eliminare rami e alberi pericolanti carichi di neve in particolare sulla provinciale 623 da Guglia e Zocca.

Ieri, considerato che nonostante gli appelli a circolare attrezzati si sono ripetuti disagi e problemi alla viabilità, la Polizia stradale ha comunicato il divieto di circolazione ai mezzi con peso superiore alle 7,5 tonnellate dalla rotonda di Pozza di Maranello fino a Pavullo in località La Capanna. Nel pomeriggio il divieto è stato revocato. Sempre nel capoluogo del Frignano, dove nel famigerato tratto stradale dei Carrai la circolazione si è mantenuta abbastanza regolare - a parte rallentamenti e code fisiologiche - il Comune ha deciso di annullare il mercato ambulante del sabato che si tiene in piazza Toscanini. Le previsioni meteo indicano infatti, dopo una pausa prevista per oggi, ulteriori nevicate per domani. Lungo le strade dell'alto Appennino traffico regolare e pochi mezzi in circolazione. Problemi comunque per un camion rimasto bloccato a bordo strada a Pian della Valle, nel Comune di Montecreto. Nella zona di Vesale invece, comune di Sestola, sono intervenuti per due diverse emergenze i vigili del fuoco di Fanano: nella notte hanno liberato la strada che conduce verso il fondovalle da un albero caduto sotto il peso della neve, mentre poche ore prima avevano risposto alla richiesta di aiuto di una donna novantenne rimasta bloccata in casa. . Disagi alla circolazione anche nella Valle

del Dragone - Montefiorino, Palagano e Frassinoro - ma nessuna “paralisi”.

Per la zona del crinale, il corpo Forestale indica rischio valanghe “marcato 3stop a escursionisti e per gli sciatori che amano i fuoripista le conche, i canaloni e i cambi di pendenza sottovento.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro