Menu

Fontana: «Servono fondi per i lavori in municipio»

Frassinoro. Sotto controllo le crepe dovute al sisma. Nei prossimi giorni gli uffici saranno trasferiti. A Fanano e Pievepelago rientro regolare a scuola

Anche se continuano le scosse di assestamento-una decina nelle ultime 48 ore con oscillazioni fra i 2,2 e i 2,8 gradi di magnitudo- si torna lentamente alla normalità a Frassinoro, il comune più vicino all'epicentro del terremoto registrato in Garfagnana e che ha colpito tutto l'appennino con una scossa di 4.8 di magnitudo venerdì scorso.

Ieri tutti gli alunni delle scuole elementari e materne sono tornati in aula. Fra i bambini nessun timore o paura a tornare sui banchi. A ricordare il terremoto rimangono i danni causati nell'edificio che ospita gli uffici del Comune, alcune crepe presenti solo in una delle porzioni dell'immobile. Si tratta di un'ala del municipio costruita circa 50 anni fa e aggiunta all'edificio preesistente, che ospita alcuni uffici tra cui la ragioneria del comune di Frassinoro. Nei prossimi giorni gli uffici saranno trasferiti in un'altra zona della casa comunale per consentire i lavori di adeguamento e consolidamento strutturale. Intanto il sindaco Gianni Fontana ha richiesto alla Regione un intervento per somma urgenza. «Ci tengo a precisare una questione importante - sottolinea il primo cittadino - Siccome siamo consapevoli che a noi è andata molto meglio che ai cittadini e alle istituzioni della Bassa modenese, non intendiamo fare pressioni per ricevere contributi, che credo spettino come priorità a quei territori. Quindi noi ci accodiamo alle richieste che arrivano dalla Bassa e, considerato comunque che i lavori sono da fare e che come ente locale non navighiamo certo nell'oro, se dovessero arrivare sostegni economici dalla Regione tanto meglio».

Sulle case dei residenti i danni sono stati limitati: qualche comignolo caduto dal tetto e alcuni intonaci che si sono staccati. Occorrerà invece attendere l'estate per capire se anche alcune seconde case, i cui proprietari vivono in città del nord Italia o addirittura all'estero e dunque non erano presenti venerdì sul territorio, siano state danneggiate.

«Credo che nell'eventualità si tratterà comunque di problemi di poco conto - precisato Fontana - E comunque siamo pronti a ricevere le segnalazioni dei cittadini». Rientro normale a scuola anche per gli alunni di Fanano e Pievepelago. «I bambini non erano assolutamente preoccupati anche perché l'evacuazione di venerdì è stata assolutamente tranquilla - racconta Romana Barattini, una maestra delle elementari - Anzi, visto che simuliamo spesso il piano di emergenza ed evacuazione, posso dire che i nostri alunni sono stati bravissimi».

Anche a Pievepelago, dove sta ottenendo grandi

consensi dai genitori l'idea del sindaco Corrado Ferroni di costruire un nuovo polo scolastico nella zona degli impianti sportivi, ai fini di una maggior sicurezza e adeguamento alle mutate normative antisismiche, rientro in classe senza problemi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro