Menu

«Lo sport si unisce al teatro nel celebrare l’Europa»

«Nel 2013 siamo città dello Sport e i modenesi sono parte attiva nello spettacolo Tra di noi il senso di appartenenza all’Unione è un qualcosa di molto forte»

Sport e teatro... due realtà vive nella nostra città che hanno storie diverse, entrambe attive e vissute, che però in poche occasioni si sono incrociate. Il 2013 è un anno di particolare respiro europeo per Modena: abbiamo ricevuto un riconoscimento, quello di Città Europea dello Sport 2013, che premia il buon livello della nostra impiantistica sportiva, le nostre capacità organizzative, l'ampia diffusione della pratica sportiva.

Da tutt'altra situazione, ossia da una riflessione sulla nostra identità europea e dall'esigenza di ripensare l'attività teatrale in un percorso che coinvolga maggioramente la cittadinanza, è nato invece il progetto Ratto d'Europa.

L'Europa quindi è presente quest'anno in due grandi progetti che non potevano non trovare un punto di incontro nella realtà della nostra città: a sorpresa infatti, tra Ratto d'Europa e Modena Città Europea dello Sport è nata una collaborazione che è andata oltre la consueta partnership di comunicazione o la fornitura di alcune attrezzature sportive per gli allestimenti scenografici.

Quello che infatti accomuna i due progetti è la base stessa, ossia il coinvolgimento: Modena Città Europea dello Sport 2013 è un riconoscimento ottenuto prima di tutto grazie all'associazionismo di base e alla partecipazione di tanti adulti, bambini, anziani, dirigenti, allenatori, arbitri negli impianti e negli eventi sportivi, mentre il Ratto d'Europa ha reso i modenesi, attraverso vari laboratori e iniziative e in alcuni casi attraverso la presenza vera e propria sul palcoscenico, sceneggiatori e attori di un'improbabile sfida/spettacolo per salvare l'Europa.

Quest'esigenza di coinvolgimento non è, come può sembrare agli scettici, un'ulteriore operazione di marketing, bensì un tentativo di aprire nuovi percorsi in un momento storico e sociale di grandi cambiamenti che spingono sempre più verso l'individualismo in tanti ambiti: nell'organizzazione familiare, nel lavoro, nell'affrontare le difficoltà... In quest'ottica nuova, nella ferma certezza che la socialità è un valore fondamentale e imprescindibile per il futuro, sport e teatro si sono trovati vicini e hanno percorso un tratto di strada insieme in questo "strano" 2013.

Non posso quindi che concludere ringraziando tutti coloro che, per scelta o per caso, hanno partecipato ai progetti e mi auguro che gli spettatori che vivranno da "esterni"

i risultati del nostro lavoro, sapranno coglierne lo spirito. In ogni caso, sia per gli sportivi che per gli appassionati di teatro il risultato è un'occasione da non perdere!

*Assessore allo Sport

Comune di Modena

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro