Menu

Bus e corriere, pareggio con i tagli

Via il deficit eliminando 600mila km percorsi. Sisma, 2,6 milioni di danni

Solo la riduzione dei servizi e dei km nell’ultimo biennio l’Agenzia per la Mobilità è riuscita a tenere i conti in pareggio, almeno da un punto di vista finanziario: l’avanzo di bilancio è di 1500 euro.

I km percorsi dal 2011 sono calati del 4,7% anche grazie, come dice un comunicato di Amo «alla soppressione di linee usate da pochi passeggeri». In questo modo sono stati eliminati dai percorsi 600 mila km. Non sono però diminuiti i passeggeri, stabili ad oltre 13 milioni e mezzo (-0,4%) a fine 2012, dopo il calo generalizzato registrato nel mese di giugno a causa degli effetti del terremoto. È quindi aumentato l'indice di efficienza del servizio, che sfiora i 17 passeggeri medi per corsa.

«Poiché il fine della società non è produrre utili, ma garantire servizi di base senza produrre disavanzo, l'obiettivo 2012 può ritenersi positivamente raggiunto» ha dichiarato l'amministratore unico Maurizio Maletti presentando il bilancio presso la sede della Provincia davanti all'assemblea dei soci. La proposta è stata approvata all'unanimità; presenti 20 comuni soci per un totale di oltre il 90% delle quote sociali.

Una parte rilevante dell'attività svolta da Amo nell'anno appena trascorso è stata occupata dall'emergenza provocata dal terremoto. La programmazione dei servizi è stata complicata dal sisma, per le continue richieste provenienti dai territori interessati; lo stesso patrimonio di AMo ha subito danni rilevanti: sono stati dichiarati inagibili 5 depositi per gli autobus (Finale Emilia, Mirandola, Camposanto, Novi e Concordia), reso temporaneamente inutilizzabile il deposito di Carpi e sono stati danneggiati alcuni tratti della rete filoviaria di Modena.

Si tratta di oltre 2 milioni e 600mila euro di danni, in parte coperti da assicurazione. I depositi di Mirandola e Concordia sono già stati demoliti per rendere disponibili i piazzali al ricovero dei mezzi, mentre sono stati conclusi i lavori di adeguamento sismico del deposito di Carpi. Infine, Amo ha dato anche un contributo logistico alle attività della Protezione Civile, anche con navette dedicate. Per gli investimenti, l'intervento più rilevante è stato la ristrutturazione della rete filoviaria di Modena: oltre 1 milione di euro. E' proseguito inoltre

il programma di potenziamento dell'accessibilità delle fermate in molti Comuni. Nel 2012 è stato approntato il Piano spostamenti casa - lavoro dei dipendenti del Comune di Carpi e dell'Associazione Terre D'Argine e con ditte private. Infine sono state 479 le segnalazioni da parte degli utenti.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro