Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

West Nile, nuovo caso: ricoverato un anziano

Il 73enne della Bassa a malattie infettive del Policlinico: è in miglioramento È il secondo episodio nel Modenese: il virus viene trasmesso dalle zanzare

Un nuovo caso di West Nile, la malattia conosciuta come virus del Nilo occidentale trasmessa dalle zanzare. Dopo la persona che era stata infetta, ricoverata e poi dimessa verso metà di agosto, ora nel reparto di malattie infettive del Policlinico si trova un 73enne.

È maschio, viene, come nel primo caso, anche lui dalla Bassa modenese e le sue condizioni sono in fase di progressivo miglioramento e presto, finite cure e profilassi, verrà dimesso.

Anche nel Ferrarese, in questi giorni, è stat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Un nuovo caso di West Nile, la malattia conosciuta come virus del Nilo occidentale trasmessa dalle zanzare. Dopo la persona che era stata infetta, ricoverata e poi dimessa verso metà di agosto, ora nel reparto di malattie infettive del Policlinico si trova un 73enne.

È maschio, viene, come nel primo caso, anche lui dalla Bassa modenese e le sue condizioni sono in fase di progressivo miglioramento e presto, finite cure e profilassi, verrà dimesso.

Anche nel Ferrarese, in questi giorni, è stato accertato un nuovo caso di persona che ha contratto il virus. L zona più a rischio, dunque, come del resto avevano notato gli esperti della Regione che avevano fatto scattare i controlli e le misure preventive, risulta serre q1uelal a nord di Modena, la Bassa in particolare al confine col Ferrarese. La Regione infatti ha da qualche mese rafforzato le misure previste dal piano regionale di sorveglianza e controllo della malattia dal momento che il sistema di sorveglianza aveva rilevato una circolazione del virus nelle zanzare comuni della bassa pianura a nord della via Emilia, precisamente tra Mirandola e Finale . In Emilia-Romagna erano stati registrati tre casi della malattia di “West Nile” nel 2008 e nove nel 2009. Da allora, oltre a non essersi manifestato più alcun caso nell’uomo, nel 2011 e nel 2012 non erano emersi segnali di circolazione del virus.

La febbre West Nile (West Nile Fever) è una malattia provocata dal virus “West Nile”. I serbatoi del virus sono uccelli selvatici e zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione nell’uomo. La maggior parte delle persone infette non mostra alcun sintomo. Circa il 20 per cento presenta invece sintomi leggeri: febbre, mal di testa, nausea, vomito, linfonodi ingrossati, manifestazioni cutanee. Spesso , in questi casi, i malati si rivolgono ai medici di base che prescrivono una cura a base di antibiotici e il tutto finisce in breve tempo. Infatti i sintomi descritti possono durare pochi giorni, in rari casi qualche settimana, e possono variare molto a seconda dell’età della persona. Poi ci sono i casi in cui il virus attacca a livello neurologico. I sintomi più gravi si presentano in media in meno dell’1% delle persone infette (1 persona su 150), e comprendono febbre alta, forti mal di testa, debolezza muscolare, disorientamento, tremori, disturbi alla vista, torpore, convulsioni, fino alla paralisi e al coma. Alcuni effetti neurologici possono essere permanenti. Nei casi più gravi (circa uno su mille) il virus può causare anche un’encefalite letale. Non è una malattia contagiosa da uomo a uomo.