Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Dall’husky ai meticci Oltre cento cani in attesa di adozione

San Prospero. I volontari del canile: «La sensibilità aumenta Dopo il sisma calate le richieste, ora torniamo a sperare»

SAN PROSPERO. Centoventi cani da adottare, un gruppo di volontari impegnati sei giorni su sette, tante attività anche per le famiglie che hanno scelto di portare a casa un nuovo “amico”, ma che non vogliono recidere il rapporto con il gruppo. E ancora: il sempre costante bisogno di supporto e di aiuti, soprattutto materiali. Tutto questo è il canile di via Verdeta, da tre anni gestito dalla famiglia Zagni supportata da una ventina di volontari. La cura degli animali è garantita ogni giorno d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN PROSPERO. Centoventi cani da adottare, un gruppo di volontari impegnati sei giorni su sette, tante attività anche per le famiglie che hanno scelto di portare a casa un nuovo “amico”, ma che non vogliono recidere il rapporto con il gruppo. E ancora: il sempre costante bisogno di supporto e di aiuti, soprattutto materiali. Tutto questo è il canile di via Verdeta, da tre anni gestito dalla famiglia Zagni supportata da una ventina di volontari. La cura degli animali è garantita ogni giorno dai custodi che vivono nella casa accanto al canile e si occupano del cibo e della pulizia dei box, affiancati dagli appassionati che curano di toelettatura, passeggiate e promozione del canile attraverso banchetti promozionali.

Negli anni il canile si è ampliato e ad oggi può vantare circa 120 cani ospitati e 200 box singoli. Nel 2011 sono stati circa un centinaio i cani adottati mentre nel 2012, a causa soprattutto del sisma, si è arrivati ad una sessantina e quest’anno si è già a quota 59.

«Siamo una squadra - spiega Elisabetta Scarano, da tre anni tra i punti di riferimento dei volontari - e ognuno ha i propri compiti. Portiamo a passeggio i cani, li educhiamo, aiutiamo a pulire. Serve tanta passione. Una volta alla settimana viene il veterinario per i controlli e le visite. In più tutte le domeniche un’educatrice tiene un corso libero e gratuito per le persone che hanno adottato uno dei nostri cani, insegnando i comandi e le regole comportamentali. Un servizio molto utile anche a noi, soprattutto quando dobbiamo confrontarci con animali che arrivano da allevamenti abusivi o utilizzati per i combattimenti».

Da queste parti sono passate tante famiglie. C’è chi arriva con le idee molto chiare, ma poi cambia idea, trascinato dall’istinto. «Spesso arrivano persone o famiglie con un’idea ben precisa poi quando vedono i cani, ne abbiamo di tutti i tipi, dagli husky ai meticci, piccoli e grandi, giovani e vecchi, si innamorano di tutt'altro - confessa Elisabetta - Ho visto tanti venire per un cucciolo e poi andarsene con un cane di otto o nove anni». Il canile, essendo privato, riesce a sostenere tutte le varie spese e il lavoro dei volontari è essenziale per ricevere ulteriori donazioni. «Siamo aperti tutti i giorni tranne il lunedì - conclude la Scarano - e chiunque può venire per dare una mano e diventare un volontario, ma anche solo per donare un gioco o una scatoletta di cibo». Si possono portare guinzagli, spazzole, kit per toelettatura e crocchette andando di persona al canile oppure contattando i volontari tramite il sito ufficiale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA