Menu

Pastori maremmani per contrastare gli assalti dei lupi

Due cuccioli sono stati consegnati dalla Provincia ad un allevatore di Montebonello che si affianca ad un allevatore di pecore di San Michele dei Mucchietti. Si sperimenta anche il metodo Fladry, particolari strisce colorate

Due cuccioli di pastore maremmano saranno assegnati dalla Provincia a un allevatore zootecnico di Montebonello di Pavullo per proteggere i capi bovini dell'azienda da alcuni lupi avvistati più volte in zona ma anche da cani inselvatichiti o da eventuali furti di bestiame. I cani saranno consegnati nei prossimi giorni in comodato gratuito, in collaborazione con l'Ausl.

Una iniziativa analoga è già stata avviata con un allevatore di pecore cashmere di S.Michele dei Mucchietti a Sassuolo al quale la Provincia ha assegnato in estate due cuccioli di pastore maremmano.

«Stiamo ricevendo diverse richieste - spiega Luca Gozzoli, assessore provinciale alle Politiche faunistiche - da parte degli allevatori che lamentano danni da predazione. Il progetto fa parte delle iniziative a tutela dei nostri allevamenti, non solo dal lupo, ma soprattutto da altri predatori, tra cui i cani inselvatichiti o anche cani non adeguatamente custoditi dai proprietari che possono creare gravi danni agli allevamenti».

Per l'assegnazione dei maremmani la Provincia disporrà anche per il 2014 di risorse sufficienti a rispondere alle richieste degli allevatori. Per informazioni: servizio Politiche faunistiche della Provincia, via Scaglia est 15 a Modena (tel. 059 200731).)

Oltre ai maremmani, la Provincia sta sperimentando anche altri sistemi di protezione come l'impiego di particolari strisce color rosso, arancio o grigio intorno agli allevamenti per tenere i lupi lontano dal bestiame. Questo sistema, conosciuto come "metodo Fladry" è già stato testato positivamente in diversi paesi non solo europei.

Un primo esperimento è in corso in un allevamento di Selva di Serramazzoni, zona attigua a quella di Montebonello, dove nei prossimi giorni la Provincia fornirà a un allevatore anche una nuova recinzione elettrificata di protezione dei capi bovini ed equini ad integrazione del sistema Fladry attualmente già in uso.

Negli ultimi tre anni la Provincia, oltre a fornire assistenza tecnica e materiali per proteggere gli allevamenti, ha risarcito agli allevatori di ovicaprini circa 28 mila euro per i danni da predazione. Tra gli episodi di questi ultimi mesi figurano attacchi da parte di lupi ad allevamenti a Pavullo, Riolunato e a Montese (come riportato dal rapporto dell'Ausl previsto in questi casi) mentre altri avvistamenti si sono verificati quest'anno anche a Farneta di Montefiorino. Di recente, inoltre,

un allevamento di pecore a Modena è stato attaccato da alcuni cani fuggiti al proprietario; in questo caso non sarà la Provincia a risarcire, ma i padroni dei cani stessi che sono stati identificati.

Nella foto, un lupo avvistato a Farneta di Montefiorino e immortalato da Laura Costi

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro