Menu

il concerto allo storchi

Sedotti dal sound Negrita: Pau & C. conquistano Modena FOTO VIDEO

MODENA. Una cornice insolita ma nella quale hanno dimostrato di sentirsi perfettamente a loro agio: tutto esaurito per i Negrita al Teatro Storchi. Il gruppo rock aretino ha dato ottima prova di sé...

MODENA. Una cornice insolita ma nella quale hanno dimostrato di sentirsi perfettamente a loro agio: tutto esaurito per i Negrita al Teatro Storchi. Il gruppo rock aretino ha dato ottima prova di sé anche in una veste inedita rappresentata dal tour nei teatri che in moltissimi casi ha fatto registrare il sold out. Il rock potente, energico e adrenalinico dei pezzi storici e recenti dei “docs” si è fatto più intimo e avvolgente e ha catapultato in una dimensione quasi onirica gli spettatori dello Storchi, i quali stavano seduti a fatica, abituati a saltare e a cantare a squarciagola con i loro beniamini, come parte integrante e attiva del concerto. Spengono le luci e si accende la scaletta: le canzoni pietre miliari della band di Arezzo, capitanata da Paolo Bruni che come sempre dialoga con i fans dal palco, si lasciano assaporare con dolcezza e ri-arrangiate in chiave semiacustica indossano un abito diverso rispetto alla tradizionale atmosfera live del gruppo. Quasi come se i testi acquistassero ancora più importanza rispetto alla musica, regina comunque indiscussa della serata, e non il contrario come spesso avviene nel processo compositivo delle rock band. Quando Bonanza introduce la serata è già chiaro che sarà un successo, l'entusiasmo cresce sulle note di Ho imparato a sognare, L'uomo sogna di volare e In ogni atomo, e il turbine dei ricordi si accende anche nei fans più giovani, che per ragioni anagrafiche non erano presenti agli esordi del gruppo, per non scendere di un millimetro fino alla fine. Drigo, al secolo Enrico Salvi, chitarra solista, e Cesare “Mac” Petricich accompagnano Paolo Bruni in arte “Pau” come due angeli custodi

monumentali: il trio incarna la formazione storica dei Negrita e, per questo tour teatrale che si concluderà questa sera ad Asti, è stato accompagnato da Cristiano Dalla Pellegrina alle percussioni, batteria, basso e Gugliemo Ridolfo Gagliano al pianoforte, tastiere, violoncello e basso.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro