Menu

Concordia: Roulotte-dormitorio abusiva in fabbrica - IL VIDEO

La scoperta della polizia municipale durante il blitz in una ditta gestita da cinesi. Irregolarità edilizie e un dipendente in nero

CONCORDIA. Abusi edilizi e una roulotte in azienda trasformata in dormitorio. E’ la scoperta avvenuta all’esito di un controllo della Polizia Municipale dell'Area Nord a Concordia Sulla Secchia, nella zona industriale. Il blitz è scattato in Via Galavotti in un capannone adibito a laboratorio cinese al piano terra e al primo piano adibito ad abitazione civile, il cui titolare risulta un cinese di anni 30. Il controllo è stato effettuato per verificare se fossero presenti lavoratori in nero, per controllare i luoghi di lavoro dal punto di vista edilizio e per controllare le condizioni igienico sanitarie in cui operavano gli stessi lavoratori. Identificati sette cittadini cinesi oltre al titolari e tutti risultavano regolari con i permessi di soggiorno.

Al momento dell'ispezione del laboratorio sono state immediatamente accertate violazioni di carattere edilizio e di norme sicurezza sul lavoro.

Precisamente gli operatori di polizia municipale accertavano che all'interno del laboratorio era presente una stufa a pellet funzionante, con un tubo improvvisato lungo diversi metri, che terminava esternamente con un buco nella parete, che propagava fumo nero denso. La tufa era stata installata senza le prescritte autorizzazioni e senza le dovute cautele, divenendo un potenziale pericolo per i lavoratori.

Pertanto gli agenti hanno intimato al titolare di rimuovere nel più breve tempo possibile la stufa a pelle e la tubazione di scarico improvvisato.

Ma la cosa che ha lasciato più sconcertati gli operatori di polizia municipale è l'aver rinvenuto all'interno del capannone adibito a laboratorio tessile, una roulotte dove all'interno vi dormivano marito e moglie cinesi operai-dipendenti della stessa ditta tessile. Oltre a ciò è stato accertato che a fianco di detta roulotte era presente un ufficio trasformato in camera da letto (cambio di destinazione d'uso).

Pertanto il titolare del laboratorio sarà denunciato all'autorità giudiziaria per abuso edilizio penale.

La roulotte e l'ufficio trasformato in camera da letto erano separati dal laboratorio da un grosso telone verde che in questo modo, separava l'ambiente di lavoro, dal reparto dormitorio.

E' stato accertato che uno dei lavoratori che stava prestando la sua opera è in nero.

Sono in corso inoltre accertamenti sui contratti d'affitto dell'immobile adibito al piano terra a destinazione laboratorio-artigianale e al primo piano a destinazione abitazione civile.

E sono in corso accertamenti dettagliati di carattere edilizio anche sul primo piano dell'immobile adibito ad abitazione, che potrebbero determinare un ulteriore abuso edilizio di carattere penale avendo ricavato, con l'installazione di tramezze molte più camere da letto di quanto autorizzate.

Nonostante il continuo controllo delle forze dell'ordine l’esito di questa operazione dimostra che non è possibile abbassare

la "guardia", per questo la Polizia Municipale dell'Area Nord, interpellata, fa sapere che continuerà nei controlli e ancor più congiuntamente con altre forze di polizia e altri organi istituzionali preposti a tali controlli (ispettorato del lavoro, medicina del lavoro, ispettorato Inps).

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro