Menu

La Bassa irriconoscibile In volo sul disastro: ovunque acqua e fango

Impossibile distinguere le strade, le case sembrano galleggiare Visioni inquietanti di paesi diventati grigi a causa della melma

Campagna modenese devastata e coperta dalle acque. Case circondate dalla melma, auto che galleggiano, capannoni isolati e strade non transitabili. Uno scenario tragico in cui risulta difficile riconoscere punti e riferimenti.

Solo dall'alto è possibile rendersi conto del disastro che ha colpito il territorio modenese. Un reportage della Gazzetta reso possibile con un aereo ultraleggero che ha sorvolato la zona fra Bastiglia e Bomporto, completamente allagata dalle acque del Secchia uscite dall'argine rotto all'altezza della frazione di San Matteo a Modena.

Una pausa del maltempo rende possibile il decollo alle 12.30 dall'Aeroclub Sassuolo, ma bastano pochi minuti per arrivare nella zona di Modena nord. È qui che si vede lo svincolo della Autobrennero circondato dalle acque del Secchia nell'area golenale.

Il viaggio procede seguendo il fiume fino a sorvolare la cassa di espansione del Secchia, in cui si nota la diga che dovrebbe regolare la piena del fiume. Subito dopo si arriva sull'argine rotto. Un breccia lunga circa 50 metri a cui da ieri lavorano uomini, mezzi e tecnici con l'obbiettivo di chiuderla. Un compito difficile e l'acqua continua a uscire e ad inondare la campagna a macchia d'olio.

Si arriva sopra Bastiglia: dall'alto le strade del paese si presentano completamente allagate e l'acqua di colore fango circonda tutto. A causa delle operazioni di soccorso e delle frequenze utilizzate dagli elicotteri non è possibile proseguire il volo oltre Bastiglia.

Sono almeno quattro gli elicotteri di Esercito, Protezione civile che sorvolano l'area allagata. In linea d'aria dunque si prosegue alla volta di Bomporto. La campagna sotto è avvolta dalle acque. Quattro chilometri in linea d'aria separano Bastiglia da Bomporto, ma le acque del Secchia sono ovunque e rendono impossibile riconoscere strade e canali, mentre numerose case risultano isolate.

Sopra Bomporto lo scenario è inquietante. Naviglio e Panaro con i livelli alti, mentre l'acqua è dentro Bomporto, nelle strade, e circonda case e palazzine. Anche il cimitero è circondato dall'acqua. Su Albareto non è possibile andare

a causa delle frequenze radio degli elicotteri di soccorso. Il volo così prosegue verso le casse di espansione del Panaro, località San Cesario. Dall'alto si nota la grande diga, ma è anche possibile constatare che la cassa di espansione risulta piena per metà, con la cassa sussidiaria vuota.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro