Menu

24 GENNAIO - Si rompono gli argini per favorire il deflusso delle acque da Bomporto e Bastiglia

Sesto giorno di emergenza, Il ministro De Girolamo dichiara l'avversità meteo. Ancora nessuna notizia di Giuseppe Oberdan Salvioli scomparso nelle acque di Bastiglia
DIARIO DELL'EMERGENZA: 19-20 gennaio   |  21 gennaio | 22 gennaio 23 gennaio | VIDEO: Il taglio dell'argine a Bomporto | VIDEO:Auto in ammollo? Tutte o quasi da buttare |   CRONACA FOTO | VIDEO | TWITTER |

COMMENTA

 

SALVATI TANTI ANIMALI. L'ultimo animale domestico salvato dai volontari, nel tardo pomeriggio di venerdì 24 gennaio, è un cane in una ex porcilaia nella zona rurale ancora allagata dei Prati di S.Clemente a Bastiglia. Salgono così a oltre 30 i cani e i gatti, salvati dai volontari del Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena. Con proprie imbarcazioni in questi giorni hanno risposto alle richieste di numerosi cittadini sfollati che avevano lasciato nella case i propri animali nella convinzione di rientrare al più presto. Nelle ultime ore sono stati recuperati altri due cani in aree allagate a Bomporto. Nei giorni scorsi erano stati recuperati e messi in salvo anche undici cavalli da una stalla di Bastiglia invasa dall’acqua.Per le segnalazioni e richieste di intervento sono attivi, 24 ore su 24, i numeri telefonici 339 8183676-339 3535192 oppure è possibile chiamare il servizio 118.

 

RINVII FISCALI, LA REGIONE ESULTA. “Il Consiglio dei ministri di oggi ha varato il decreto legge per il quale abbiamo lavorato in questi giorni e dunque esprimo soddisfazione per questo primo riconoscimento ad un territorio tanto duramente provato”. Così il presidente della Regione Vasco Errani commenta la notizia del Dl che sospende per sei mesi ogni forma di pagamento tributario o fiscale in favore di chi lavora e abita nelle zone del modenese colpite dell’alluvione. “Si tratta di un primo importante provvedimento che riguarda cittadini e imprese di ogni comparto oggi colpiti dall’alluvione e già pesantemente danneggiati dal terremoto 2012”.
“Puntiamo poi alla proclamazione dello stato di emergenza per la prossima settimana e, come prevedono le norme, abbiamo avviato la necessaria ricognizione. Infine, sottolineo la necessità che siano pienamente riconosciuti i danni subiti dalle famiglie e dalle imprese”.

GLI SFOLLATI SCENDONO A 500. Gli sfollati dalle aree allagate assisti dalla Protezione civile in albergo e nei centri di accoglienza nella giornata di giovedì 24 gennaio sono scesi a meno di 500. Chiuso il centro di assistenza di Limidi di Soliera e i 24 sfollati  tuttora presenti sono stati trasferiti nel centro di Carpi, aperto insieme ai centri di Modena. I cittadini che eventualmente necessitano di una sistemazione possono rivolgersi a Bastiglia, dove venerdì 24 gennaio ha riaperto il Municipio presso il quale è operativo il Coordinamento operativo comunale (COC). I cittadini potranno rivolgersi al centralino del Comune (059-800.911) per informazioni e comunicazioni e verranno aperti due sportelli dedicati alle richieste di aiuto per pulizia e svuotamento di cantine e locali e per la segnalazione di problemi agli impianti elettrici. A Camposanto sono attivi i numeri 0535 80913 e per assistenza anche al 348 3117903-3117910), Finale Emilia (333 7264828-333 7262018) e San Felice sul Panaro (0535 86341 - 0535 86311). A Modena prosegue l'attività di presidio informativo nella parrocchia del Gesù Redentore in via Leonardo Da Vinci 270, Complessivamente, fa sapere la Provincia, dall'inizio dell'emergenza i Centri comunali e quelli di accoglienza hanno gestito l'assistenza a oltre 1500 persone.

BASTIGLIA, ELETTRICITA' E AMBULANZE. Sta tornando alla normalità il centro abitato di Bastiglia, ormai completamente liberato dalle acque. I tecnici Enel hanno ripristinato l’energia elettrica in tutto il paese ed effettuato sopralluoghi su richiesta dei cittadini nelle abitazioni che avevano i contatori allagati, sostituendo oltre il 50 per cento degli impianti. Chi ha problemi di questo tipo da segnalare può rivolgersi al Centro operativo comunale, che dal pomeriggio di venerdì 24 gennaio si è trasferito presso il Municipio e risponde al numero telefonico 059-800911. Nella mattinata di sabato 25 gennaio aprirà in piazza della Repubblica 49 un poliambulatorio di medici di base, con presidio del 118 e ambulanza. Lungo la strada statale 12 del Canaletto, nei pressi del ristorante Torre Antigua, è stato aperto un magazzino comunale, attivo 24 ore su 24,  dove vengono distribuiti alla popolazione alimentari e generi di prima necessità.Procedono intanto, con impiego di personale dell’Esercito, le operazioni di pulizia delle scuole: già completate al nido, proseguiranno nella giornata di domani al polo scolastico di via Stazione/piazza Tintori.

 

FINITA LA RICOGNIZIONE ARGINI. Si è completata nella serata di venerdì 24 gennaio la ricognizione, da parte di Aipo, di tutti gli argini dei fiumi Secchia e Panaro nel tratto modenese. Come riportano i tecnici Aipo non sono state individuate particolari criticità e sono stati eseguiti puntuali interventi di manutenzione segnalati dai ricognitori, soprattutto per la chiusura di piccole buche negli argini provocate da animali selvatici. L'operazione - spiega la Provincia - ha coinvolto circa 80 persone tra volontari e tecnici di Aio provenienti anche da fuori regione che hanno effettuato la ricognizione in tutti i 220 chilometri degli argini modenesi di Secchia e Panaro.

IL GOVERNO SI MUOVE. E' stata firmata dal ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo, la dichiarazione dello stato di eccezionali avversità atmosferiche relative ad alcuni eventi calamitosi che hanno colpito le Regioni Puglia, Emilia Romagna, Toscana e Basilicata. Lo riferisce una nota del Mipaaf che spiega: "Gli agricoltori che a seguito di tali eventi hanno subito danni alle produzioni agricole, alle strutture aziendali e alle scorte, potranno così accedere alle provvidenze recate dal Fondo di solidarietà nazionale". Anche gli Enti gestori potranno, sempre con oneri a carico del Fondo, ripristinare le infrastrutture a servizio delle attività agricole, danneggiate dagli stessi eventi. Le domande di intervento potranno essere presentate dai beneficiari alle autorità indicate dalla Regione entro il termine perentorio di 45 giorni dalla data di pubblicazione del decreto di declaratoria nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

 

COLDIRETTI EVOCA ERRANI. "Ridurre i tempi di intervento per le aziende alluvionate della provincia di Modena affidandosi al commissario straordinario per il terremoto. Lo ha chiesto alla Regione Emilia Romagna Coldiretti, per evitare che il sovrapporsi di competenze porti ad una dispersione di risorse e ad un rallentamento di tempi. Poiché i Comuni della zona alluvionata sono anche comuni colpiti dal terremoto – spiega Coldiretti – affidarsi ad un unico commissario che conosca bene la situazione può razionalizzare e rendere più efficaci gli interventi. E poichè l'attuale commissario è Errani, pare di poter concludere che Coldiretti evochi un ulteriore allargamento del ruolo di Errani.

E C'E' CHI SCRIVE AL PAPA. Dopo le lettere alla Rai, ai giornali nazionali e alle autorità politiche nazionali, incluso il Presidente Napolitano, la Bassa che si sente trascurata nella vicenda alluvione si rivolge anche al Papa. L'iniziativa è partita da Mirandola e sta riscuotendo curiosità e adepti. "Santo padre francesco, ascolti il
Pianto del mio popolo. La nostra terra è stata colpita duramente il 20 e 29 maggio 2012 da due terremoti che hanno devastato i nostri paesi e purtroppo domenica 19 gennaio un'alluvione ha devastato di nuovo le nostre terre. Nessuno ci da attenzione, la mia gente è sola ad affrontare questa ennesima sciagura... Siamo allo stremo". E' con queste parole, affidate ad una lettera che verrà spedita, che Valentina, di Mirandola, ha deciso di chiedere aiuto a Papa Francesco
 

1

 

BOMPORTO. Ore 12. LA PIAZZA LIBERA Buona notizia a Bomporto dove la piazza è stata totalmete liberata dalle acque e le auto e i mezzi di soccorso possono circolare.

SI BUCANO GLI ARGINI PER FAVORIRE IL DEFLUSSO. A Bastiglia alle ore 13 di venerdì 24 gennaio parte l'operazione di apertura di un varco dell'argine destro del Naviglio allo scopo di favorire il deflusso di un'ampia zona rurale allagata nell'area dei Prati di S.Clemente. L'intervento segue quello analogo eseguito in mattinata sul Cavo Argine.

BASTIGLIA. RIAPRE IL MUNICIPIO. Oggi alle ore 15 riapre il Municipio presso il quale sarà operativo il Coordinamento operativo comunale (COC), nei giorni scorsi dislocato su più postazioni a causa degli allagamenti.I cittadini potranno rivolgersi al centralino del Comune (059-800.911) per informazioni e comunicazioni e verranno aperti due sportelli dedicati alle richieste di aiuto per pulizia e svuotamento di cantine e locali e per la segnalazione di problemi agli impianti elettrici.Entro la giornata di oggi verrà ripristinata l’elettricità sull’intera rete del territorio municipale. I cittadini dovranno obbligatoriamente segnalare  i contatori che fossero stati bagnati, poiché il ripristino della fornitura elettrica alle singole utenze potrà essere effettuata, in tali casi, solo dopo le opportune verifiche di Enel.I materiali da smaltire devono essere sistemati di fronte ai rispettivi edifici e che gli elettrodomestici e gli altri apparecchi elettrici ed elettronici dovranno essere separati dal resto.

 

 

RIAPRE LA EX STATALE 568 TRA SAN FELICE E CAMPOSANTO. Tra le prime decisioni assunte oggi nel vertice della prefettura c'è la riapertura alle 13 della provinciale 568 tra San Felice e Camposanto, interrotta in località "La Punta" dove le acque del Vallicella avevano invaso le campagne circostanti e la sede stradale. Per le altre strade - la Panaria Bassa e la Statale del Canaletto - invece si fa lunga

AIPO CONFERMA: C'E' UN BUCO NELLA DIGA DEL PANARO. L'agenzia del fiume Po ammette che esiste un problema come messo in evidenza dal video pubblicato in esclusiva dalla Gazzetta di Modena ( GUARDA IL VIDEO ) sulle casse d'espensione. Aipo dichiara che la falla nella diga "non costituisce alcun pericolo". Sarà riparata non appena le condizioni ambientali lo consentiranno.

IN CORSO VERTICE IN PREFETTURA. E' iniziato il summit, ormai tradizionale, che ogni mattina mette attorno ad un tavolo i veritici delle istituzioni. Due temi caldi: ovviamente lo svuotamento dei paesi dall'acqua e l'allerta meteo. In arrivo, infatti, nei prossimi giorni oltre alle piogge anche neve, nelle zone collinari, e vento forte. Tutto questo complicherebbe ulteriormente i soccorsi e i piani di ripristino dei paesi colpiti.  

BOMPORTO: COME LIBERARLA DALL'ACQUA? Non è bastata, ieri pomeriggio, la maxi operazione per cercare in parte di svuotare il centro storico di Bomporto. Sono ancora numerose le strade allagate in modo abbondante. oggi si cercheranno altre soluzioni

METEO:La perturbazione forma un minimo depressionario proprio in corrispondenza dell'Italia. Giornata di maltempo sull'Emilia Romagna, con nevicate sulla dorsale centro-orientale fino a quote collinari. Più asciutto sulle pianure occidentali, con al più scarsi fenomeni. Temperature in sensibile calo nei valori diurni ed in quota. Venti in rinforzo da NNE, fino a tesi sul mare che sarà mosso o molto mosso, anche agitato al largo.

 

BOMPORTO, ZONA BLU OFF LIMITS, ALLE 9 RIUNIONE DEI RESIDENTI AL TEATRO: "Ricordo a tutti e soli i residenti della zona "BLU" l'appuntamento dalle ore 9.00 a gruppi di 200 persone, presso il teatro di Bomporto, in via Verdi 8, sede anche del COC (Centro Operativo Comunale), per essere informati sulle modalita' di accesso alle proprie abitazioni che avverra' solo dopo la messa in sicurezza delle aree pubbliche. RIPETO: c'e' ancora acqua in alcuni punti alta e quindi pericolosa!"

BOMPORTO, ANCORA 30 CENTIMETRI IN PIAZZA ROMA. Questo l'aggiornamento del sindaco Borghi: "Nella notte abbiamo continuato ad allargare il taglio dell'arginatura in modo da raggiungere un buon deflusso dell'acqua dal paese. Nonostante questo alle 4.30 di questa mattina Piazza Roma ha ancora acqua e in alcuni punti supera abbondantemente i 30cm. Se la finestra temporale meteo lo consente continueremo a far defluire l'acqua attraverso il taglio.

 

BOMPORTO SI LAVORERA' CON LE POMPE SOMMERSE "Oggi poi saranno riavviate le pompe sommerse di AIMAG che aiuteranno lo scolo dell'acqua dal sistema fognario verso il canale Naviglio che e' calato ancora di livello. - prosegue il sindaco Borghi -

 

BOMPORTO, SICUREZZA DEI CITTADINI "l'accesso alla "zona BLU", cioe' il centro di Bomporto, sara' impedito sino alla rimozione dalle strade dei detriti e dell'eventuale fango che, a prima vista, non sembra essere presente se non in minima quantita' (questo almeno in piazza Roma, non sappiamo nelle zone piu' interne del centro e/o vicine alla campagna).

BOMPORTO: SI LIBERANO DAI DETRITI LE STRADE LIBERE "Da questa mattina saranno operativi i mezzi meccanici, l'esercito, e le squadre di volontari mandati dalla consulta provinciale per iniziare a liberare strade e aree pubbliche da rifiuti e detriti".

 

 

 

CANALETTO CHIUSA E DA ASFALTARE. Proseguono sulla strada statale 12 Canaletto, nel tratto tra Bastiglia e San Matteo di Modena, i lavori di ripristino dei danni causati dall’esondazione del fiume Secchia. L’intervento è teso a ripristinare le condizioni di sicurezza, avendo le acque gravemente danneggiato un tratto di oltre 1.5 chilometri. Oltre al ripristino è stato necessario procedere a un intervento di rimozione del fondo stradale per consentire il deflusso dell’acqua che ha allagato l’area circostante

 

SORABARA BOMPORTO: SI GIRA.  E’ stata invece riaperta al traffico nella mattinata di giovedì 23 gennaio la strada provinciale 1 nel tratto tra Sorbara e Bomporto, chiuso nei giorni scorsi.

 

PANARIA BASSA: SI VA TRA BOMPORTO E CAMPOSANTO. Il tratto tra Bomporto e Camposanto della sp2 Panaria bassa, finora aperto ai soli residenti, è tornato transitabile senza limitazioni, con un senso unico alternato in località Gorghetto regolato da un impianto semaforico.

PANARIA BASSA NON SI VA TRA BOMPORTO E MODENA. Resta, invece, ancora chiusa la sp2 tra Bomporto e Modena: su questo tratto sono in corso, da parte dei tecnici della Provincia, sopralluoghi per accertare l’estensione degli allagamenti residuali e verificare le condizioni del corpo stradale e della pavimentazione.

BASTIGLIA RIPARTE DA QUI. Il Comune di Bastiglia, nel Modenese, ha ancora alcuni tratti del centro con 80 centimetri d'acqua, in via di rimozione mentre i tecnici dell'Enel procedono alla riattivazione dell'energia elettrica già presente in larga parte del paese. Si continua a lavorare anche a Bomporto e la situazione sta tornando alla normalità pure a San Prospero, Ravarino, Camposanto e San Felice.

ARGINI: ADESSO INIZIA L'ESAME METRO PER METRO E' partita la ricognizione di tutti gli argini dei fiumi Secchia e Panaro nel tratto modenese per una lunghezza complessiva di oltre 220 chilometri. Impegnati per ora quasi 50 volontari e tecnici di Aipo suddivisi in squadre di tre persone ciascuna. A ogni squadra è stato assegnato un settore con il coordinamento del Centro unificato di protezione civile di Marzaglia. Le squadre sono accompagnate da operatori di ditte specializzate in grado di intervenire immediatamente, qualora i tecnici Aipo lo ritengano necessario, per realizzare interventi di manutenzione urgenti. La ricognizione, che interessa gli argini dal piede alla sommità sia dal lato campagna che quello in alveo, riguarda soprattutto le buche provocate da animali, smottamenti arginali o eventuali fuoriuscite di acqua dal lato campagna o cedimenti.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro