Menu

procedure

Le selezioni per creare “una coppia” con l’uomo

Adottare un cane potrebbe rivelarsi una procedura meno semplice ed immediata di quanto appare. Dietro a tale procedura, infatti, esiste una selezioni. Una serie di controlli sono volti a garantire la...

Adottare un cane potrebbe rivelarsi una procedura meno semplice ed immediata di quanto appare. Dietro a tale procedura, infatti, esiste una selezioni. Una serie di controlli sono volti a garantire la sicurezza e la soddisfazione sia dell’animale adottato, sia della famiglia affidataria. Una procedura che inizia fin dal primo contatto: «Di solito – spiegano i volontari - le persone arrivano in canile senza delle idee molto chiare».

In tanti sanno già se vogliono un esemplare di taglia grande o piccola, ma non hanno ancora deciso in merito al carattere, e sembrano indecisi anche sulla vita post-adozione. Una situazione che, se non chiarita, potrebbe portare, dopo l’adozione, a una dolosa rinuncia.

Il compito dei volontari diventa quindi quello di “tracciare” la condizione futura dell’animale: «Se nell'abitazione sono presenti bambini o anziani, se rimarrà insieme alla famiglia durante le vacanze o se verrà affidato a parenti o amici».

Un’opera di “trading” necessaria ad individuare l’animale più adatti alla condizione e alle attitudini degli aspiranti affidatari.

Gli animali molto agitati, ad esempio, vengono sconsigliano in presenza di persone anziane o che deambulano male. «Una volta individuate le caratteristiche di base – poi - si fa fare alle

persone interessate un giro per il canile, in modo da permettere una selezione anche a livello “estetico”, anche perché comunque le persone sono molto attratte da questo aspetto, oltre che dal carattere». Quando i due livelli si uniscono, combaciando, si trova l’animale giusto. (m.r.)

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro