Quotidiani locali

LA STRAGE DI PARIGI

#JeSuisCharlie alle 18,30 presidio in piazza Torre

Un minuto di silenzio è stato osservato in Comune a Modena in memoria delle vittime dell’attentato di Parigi

CIRCA 200 PERSONE IN PIAZZA PER IL PRESIDIO. Erano circa 200 i modenesi appartenenti ad associazioni, partiti, movimenti, comunità straniere e semplici cittadini che si sono ritrovati alle 18,30 in pòiazza Torre a Modena in segno di solidarietà con la more di 12 persone nell'attacco terroristico di ieri mattina a Parigi nella redazione del giornale Charlie Hebdo. "Quanto accaduto è un atto vile ed esecrabile che colpisce la libertà e la democrazia, oltre che i principi di laicità e integrazione del modello sociale europeo. - spiegano i promotori in un anota - L'idea di scontro e di conflitto tra culture e civiltà differenti va fermamente respinto, perché sbagliato e dannoso per tutti. Crediamo ad una Europa solidale e integrata, rispettosa degli orientamenti culturali, politici e religiosi di tutte le sue cittadine e cittadini, impegnata a diffondere la cultura della pace e della pacifica convivenza su scala mondiale, elementi che nulla hanno a che fare con xenofobia e intolleranza che vanno assolutamente condannati e fermati sul nascere. Inoltre, analogamente a quanto accadrà contemporaneamente in tutta Europa, a mezzogiorno è stato osservato un minuto di silenzio nelle nostre sedi.

Al presidio erano  presente anche il Sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli. Primi aderenti: ARCI – UISP - ANPI – Associazione Stampa Modenese - Casa per la Pace – Associazione Studentesca UDU – Rete degli Studenti – Partito Democratico - Per me Modena – Sinistra Ecologia Libertà – Partito della Rifondazione Comunista – GD – Conferenza delle Donne Democratiche – Centro Documentazione Donna – Libera contro le mafie – Forum provinciale Terzo Settore – Centro servizi Volontariato – Associazione Casa della Saggezza, Misericordia e Convivenza – Associazione Donne Musulmane in Italia – ACLI – Donne nel Mondo – Casa delle Culture – Centro Culturale Multietnico Milinda – Unione delle Associazioni Marocchine dell’Emilia Romagna-UDAMER – Associazione Islamica EL HOUDA Sassuolo – Organizzazione di Amicizia e Cooperazione Italo-Marocchina

IL CORDOGLIO  PRESIDENTE DELLA REGIONE BONACCINI "Sincero ed affettuoso cordoglio per le vittime della strage terroristica" compiuta ieri a Parigi è stato espresso all'ambasciatrice di francia in italia, catherine colonna, dal presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, insieme alla vicepresidente Elisabetta Gualmini. Lo rende noto viale aldo moro, con un comunicato diffuso nella tarda serata di ieri. "Il massacro brutale, violento e vile, che ha colpito a morte oggi in francia i giornalisti di Charlie Hebdo- recita il telegramma inviato da Bonaccini e Gualmini- è un attacco diretto e spietato contro i luoghi, le persone e gli spazi dove si produce libertà d'espressione, pensiero libero, privo di qualsiasi condizionamento o pressione. Cosa che è, sfortunatamente, inconcepibile per coloro che sono stati addestrati ad una ideologia totalitaria". A nome di tutti i cittadini dell'Emilia-Romagna, dunque, Bonaccini e Gualmini esprimono le "più sincere e affettuose condoglianze a tutta la francia. Siamo tutti, ugualmente, cittadini europei e con l'europa condividiamo un progetto di democrazia fondata sulla convivenza civile, il dialogo plurale e interculturale e la libertà senza confini". Sempre dalla regione, il capogruppo della Lega Nord, Alan Fabbri, definisce l'attentato di parigi "un orrendo attacco alle nostre libertà fondamentali", ma anche "uno schiaffo in faccia ai predicatori dell'accoglienza sfrenata" nonchè "una nuova ground zero". Serve uno "stop all'immigrazione selvaggia", scrive fabbri in una nota, con "controlli serrati nelle moschee e nei cosiddetti centri di cultura islamica".  

UN MINUTO DI SILENZIO IN MUNICIPIO. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha invitato i dipendenti comunali a osservare alle 12 un minuto di silenzio «per ricordare le vittime e i feriti dell'attentato terroristico alla redazione del settimanale 'Charlie Hebdò di Parigi», si legge in una nota dell'amministrazione di piazza Grande. «L'attacco terroristico alla redazione di Charlie Hebdo- dice Muzzarelli- è un attentato che ha colpito tutti coloro che hanno a cuore la libertà e la democrazia. In tante parti del mondo, si stanno decidendo momenti di riflessione e minuti di silenzio per ricordare le vittime ed i feriti. Il Comune di Modena alle 12 ha spento simbolicamente le luci ed ha interrotto per un minuto l'attività istituzionale e di lavoro». Il sindaco ha trascorso il minuto di silenzio al sacrario dei caduti in piazza Torre, «luogo simbolico per la pace e la democrazia nella nostra città», conclude Muzzarelli.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare