Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Rifiuti, ecco come si spenderà di meno»

Il dirigente dei servizi ambientali: «La tariffa verrà regolata sulla quantità di spazzatura». Dibattito sulla cessione a Hera

Il 2015 sarà l’anno dell’introduzione del porta a porta in centro storico, dei preparativi per la tariffa puntuale che entrerà in vigore nel 2016 e il dibattito sulla possibile acquisizione di Aimag da parte di Hera sta diventando sempre più effervescente. Questi gli argomenti al centro del consiglio comunale di giovedì, dove i vertici di Aimag hanno illustrato la tariffazione puntuale. «Nel 2015 daremo ai cittadini i nuovi contenitori per iniziare da gennaio 2016 la tariffazione puntuale. – ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il 2015 sarà l’anno dell’introduzione del porta a porta in centro storico, dei preparativi per la tariffa puntuale che entrerà in vigore nel 2016 e il dibattito sulla possibile acquisizione di Aimag da parte di Hera sta diventando sempre più effervescente. Questi gli argomenti al centro del consiglio comunale di giovedì, dove i vertici di Aimag hanno illustrato la tariffazione puntuale. «Nel 2015 daremo ai cittadini i nuovi contenitori per iniziare da gennaio 2016 la tariffazione puntuale. – ha esordito Paolo Ganassi, dirigente servizi ambientali – Questo significa che non si faranno pagare i rifiuti come in precedenza, in base a superfici e numero di componenti, ma in base ai quantitativi effettivamente prodotti. Misuriamo quanto rifiuto ci viene consegnato, utenza per utenza, domestica e produttiva. Plastica e vetro restano dove sono almeno per il momento, quindi, nei contenitori: campane per il vetro e cassonetti la plastica. Questi, per ora, non rientrano nella raccolta domiciliare. Indifferenziato come carta, cartone, sfalci e potatura, raccolta domiciliare con contenitori e dotazioni diverse». La zona nord sarà la prima del territorio ad essere interessata da alcune variazioni nel servizio. Verrà mantenuta la raccolta domiciliare per carta e cartone, organico, sfalci e rifiuto non recuperabile. Saranno, inoltre, mandati tutori che spiegheranno alle persone modalità e frequenza di raccolta. «I contenitori per la tariffazione puntuale sono dotati di microchip: quando vengono svuotati - prosegue Ganassi - a seconda di quanti “bip” fanno creano una parte variabile di costo, commisurata agli effettivi svuotamenti. Ci sarà, poi, un contenitore per l’indifferenziato che non sono più il sacco o la pattumella, ma un bidone carrellato da 120 litri. Passeremo non più una volta alla settimana, ma ogni quindici giorni a ritirarlo. E chiediamo ai cittadini di esporli quando sono pieni». Per pannolini e pannoloni verrà lasciato un contenitore apposito. Per i condomini potranno essere lasciati anche bidoni più piccoli, a seconda dell’esigenza. «Il sistema di raccolta differenziata consente di ridurre i costi dell’impiantistica, - conclude Ganassi - massimizzando i ricavi della raccolta differenziata riusciamo ad abbassare la tariffa del servizio». Nel 2015, inoltre, si prevede l’esaurimento delle discariche, parallelo alla crescita della raccolta differenziata. Quest’anno, quindi, la discarica di Fossoli, esaurirà le capacità produttive, ma per qualche anno ancora occorrerà tenere un impianto analogo funzionante, perché gli impianti di recupero producono scarti. Si è firmata inoltre la convenzione con le Guardie Ecologiche Volontarie contro l’abbandono dei rifiuti e le microdiscariche abusive. Ganassi ha fatto il punto anche sul sisma, dopo il quale sono state raccolte 400mila tonnellate di macerie, messe nelle discariche, depositate in modo controllato e utilizzate per fare coperture delle discariche stesse. Nelle previsioni di Aimag si dovrà poi passare dai 196 chilogrammi annui per abitante di rifiuto a smaltimento, a 118 kg. Entro la fine del 2017, poi tutti i Comuni gestiti da Aimag avranno raccolta domiciliare e tariffa puntuale: nel 2016 si procederà con Concordia, Mirandola Camposanto e San Felice, nel 2017 toccherà a Cavezzo e San Prospero. Sul tema di Aimag in Hera, in risposta ad una mozione di Carpi Futura, il sindaco Bellelli ha risposto che «la domanda fondamentale da farsi è se Aimag reggerà nelle sfide future e non è il caso di piantare bandierine».