Quotidiani locali

Modena, sgombero all'ex-caserma S. Eufemia: scontri e feriti in Redecocca

Alle prime luci del giorno sono iniziate le operazioni di sgombero ad opera delle forze dell'ordine. Gli occupanti e quanti li sostengono inviano un appello via social network "Aiutateci a difendere l'occupazione"

MODENA. Dalle 7 di questa mattina sono iniziate le operazioni di sgombero negli stabili occupati in centro storico dallo Sportello La Rage e Spazio Guernica: si tratta della ex-caserma S. Eufemia di via S. Eufemia e lo stabile di via Bonacorsa. Dopo le proteste verbali e i tentativi di fare cordone per impedire lo sgombero, intorno alle 11.30 ci sono state cariche e incidenti con un poliziotto e una manifestante contusi in piazzale Redecocca dove sono ospitati alcuni uffici comunali. Il questore, intervenuto sul posto, ha parlato di carica di alleggerimento. Dopo una lunga trattativa si è arrivati ad una parziale mediazione: tre delle famiglie sfollate hanno già trovato una sistemazione, mentre gli altri occupanti dell'ex Sant'Eufemia saranno ospitati almeno per due settimane in albergo.

La notizia dello sgombero è stata data via social network dagli occupanti con un appello a tutti i simpatizzanti a recarsi presso gli stabili, che si trovano nel cuore del centro storico di Modena.

Le operazioni di sgombero procedono non senza momenti di tensione. Ad accompagnare gli occupanti fuori dagli stabili ci sono polizia, carabinieri, polizia municipale. Presenti anche i vigili del fuoco in supporto per eventuali interventi tecnici. Numerosi i simpatizzanti dei centri sociali che hanno immediatamente risposto all'appello via social e si sono presentati in zona, tenuti a debita distanza dall'area delle operazioni.

leggi anche:

"Ex Caserma e condominio di via Bonacorsa sotto sgombero!! Tutti a difendere le occupazioni" recita l'appello lanciato sulla pagina Facebook di Sportello sociale la Rage. Ad effettuare le operazioni di sgombero alcune decine di agenti della polizia in tenuta anti sommossa. La situazione è comprensibilmente tesa.

Alta tensione in Sant'Eufemia e scontro in Redecocca I drammatici momenti in cui manifestanti e polizia sono entrati in contatto, davanti gli uffici del Comune di Modena in piazzale Redecocca, dopo la mobilitazione per lo sgombero di Sant'Eufemia. Una ragazzina è rimasta ferita e tre agenti si sono fatti refertare al pronto soccorso. Video di Gino Esposito. Leggi l'articolo

Molti gli slogan e le urla lanciati dagli appartenenti ai centri sociali all'indirizzo delle forze dell'ordine e, soprattutto, nei confronti del sindaco Gian Carlo Muzzarelli , che nei confronti dell'occupazione ha sempre tenuto un atteggiamento di massimo rigore. Gli occupanti hanno inutilmente cercato di chiedere un incontro con le autorità per cercare una mediazione. Ma lo sgombero non si è fermato ed è proseguito,

L'ex- caserma S. Eufemia come noto è stata occupata alla vigilia di Pasqua da una  sessantina di persone. Si tratta di piccoli nuclei familiari e persone senza famiglia. Tutte accomunate dall'assoluta mancanza di prospettiva non solo di lavoro ma anche di ottenere un tetto sopra la testa

Nonostante gli inviti delle autorità, e l'appello del sindaco, ripetuti pubblicamente e attraverso contatti diretti gli occupanti non hanno voluto lasciare gli spazi occupati.

Più lunga nel tempo invece l'occupazione degli spazi in via Bonacorsa, qui alcune famiglie hanno creato la loro abitazione. Finora hanno potuto insediarsi senza particolari tipi di problemi.

Un concerto durante la serata di...
Un concerto durante la serata di festa organizzata dagli occupanti il 7 maggio (Sportello La Rage)

Nelle scorse settimane il Comune aveva effettuato una serie di colloqui per creare una sorta di anagrafica degli occupanti e capire come procedere. La linea intrapresa dal Comune è la seguente: "Chi avrebbe comunque diritto di essere assistito, e seguito dai servizi sociali, avrà questo tipo di assistenza. Gli altri no. L'occupazione non deve diventare una sorta di diritto a passare avanti a chi rispettando le leggi chiede assistenza".

E in base a questo tipo di approccio al problema l'amministrazione comunale di concerto con la prefettura la questura e i carabinieri hanno deciso di passare allo sgombero senza alcun tipo di riserva. Tutti gli occupanti rischiano denunce e conseguenze penali per quanto hanno fatto.

 

la cena magrebina organizzata sabato...
la cena magrebina organizzata sabato scorso nell'ex caserma (foto da Sportello La Rage)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare