Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

San Felice un quadrilatero snodo del paese

Tra via Mazzini, via Ferraresi e zona ex Orologio si gioca la rinascita

SAN FELICE. L’obiettivo è far ripartire il centro storico ed è attorno al quadrilatero via Mazzini, via Ferraresi, piazza della Torre dell’Orologio ( crollata e da ricostruire) che si giocherà il rilancio del cuore del paese nei prossimi mesi. Tra le priorità del Comune i lavori al teatro, il recupero del palazzo municipale mentre un pool di ricercatori e università sta studiando quale futuro dare a quel che resta della storica chiesa parrocchiale, di cui sono rimaste solo parte delle mura. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN FELICE. L’obiettivo è far ripartire il centro storico ed è attorno al quadrilatero via Mazzini, via Ferraresi, piazza della Torre dell’Orologio ( crollata e da ricostruire) che si giocherà il rilancio del cuore del paese nei prossimi mesi. Tra le priorità del Comune i lavori al teatro, il recupero del palazzo municipale mentre un pool di ricercatori e università sta studiando quale futuro dare a quel che resta della storica chiesa parrocchiale, di cui sono rimaste solo parte delle mura. La speranza e volontà dei cittadini è di ricostruirla, non come prima ma dove era prima. A proposito di chiese (a San Felice e frazioni tutte inagibili o crollate) , da alcuni mesi è operativo quello della chiesa di Rivara. Avanzano i lavori al centro sportivo, fermi quelli del nuovo auditorium accanto alle nuove scuole primarie dopo che l’azienda che aveva vinto il bando per il cantiere è entrata in crisi. Resta anche da capire quale sarà il futuro della storica villa Ferrari, ex residenza estiva del Duca, a ridosso del centro storico di proprietà privata ma che, in prospettiva, potrebbe diventare un importante contenitore culturale e multimediale.
Cala il numero di chi occupa ancora i Map.