Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lavori pubblici, Luppi esulta: «Abbiamo già fatto tutto»

CAVEZZO. Sono già state asfaltate tutte le strade che erano state messe in appalto “a partire da via Nuova Sotto Malaspina, intervento mai attuato e ora risolto dopo anni - annuncia il Comune - Come...

CAVEZZO. Sono già state asfaltate tutte le strade che erano state messe in appalto “a partire da via Nuova Sotto Malaspina, intervento mai attuato e ora risolto dopo anni - annuncia il Comune - Come pure il rifacimento del manto davanti al polo per l’infanzia di via della Libertà”.

«Senza dimenticare - dice il sindaco Lisa Luppi - agli altri interventi minori. Se poi, pensiamo alla ricostruzione, annuncio che siamo in dirittura di arrivo con la pubblicazione dell’appalto per il cimitero di D ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAVEZZO. Sono già state asfaltate tutte le strade che erano state messe in appalto “a partire da via Nuova Sotto Malaspina, intervento mai attuato e ora risolto dopo anni - annuncia il Comune - Come pure il rifacimento del manto davanti al polo per l’infanzia di via della Libertà”.

«Senza dimenticare - dice il sindaco Lisa Luppi - agli altri interventi minori. Se poi, pensiamo alla ricostruzione, annuncio che siamo in dirittura di arrivo con la pubblicazione dell’appalto per il cimitero di Disvetro e per quello del centro. Abbiamo sostituito di urgenza l’apparecchio per la refrigerazione della casa di riposo per gli anziani e sono state finanziate una serie di opere pubbliche: si va dalle ex scuole elementari di Uccivello fino all’ex municipio di via Cavour. Tra i riscontri più positivi ci sono la sistemazione dei manti stradali nelle strade delle frazioni di Motta e Disvetro, gli interventi per falciare l’erba lunga e diversi arbusti che finivano con il danneggiare le auto in transito e la manutenzione lungo gli argini».