Quotidiani locali

Un robot in aula per il compagno malato

Mirandola. Studenti del Galilei vincono concorso permettendo all’amico di seguire a distanza le lezioni

MIRANDOLA. La storia è commovente. Un cocktail fatto di amicizia vera e ingegno. Chi l’ha detto che la Silicon Valley è solo dall’altra parte dell’oceano? Un robot comandato via wi-fi, da un computer remoto e che permette ad un alunno malato di seguire lezioni dal letto di casa. È con questo progetto che un gruppo di studenti dell’istituto Galilei, guidati dai prof. Alberto Michelini e Fabio Cilloni, ha vinto il contest per le nuove startup organizzato da Coop Estense e a cui partecipavano scuole del modenese, del ferrarese e della regione Puglia. Detto che per il Galilei essere protagonista a un concorso di robotica non è una novità (un team vinse un concorso un paio di anni fa) in questo contest le scuole e i relativi gruppi di lavoro dovevano presentare un progetto da realizzare con una stampante 3D ed alle migliori diciassette è stata assegnata una stampante. Lo spunto del progetto degli studenti del Galilei era venuto da un caso concreto nella scuola, dove un loro compagno non poteva frequentare per una grave malattia. Lo studente seguiva così le lezioni via skype, ma quando la classe si spostava nei laboratori si doveva interrompere la connessione. I compagni di classe hanno allora cercato un’idea che potesse consentire al loro amico di seguire le lezioni “a distanza” anche nelle ore di laboratorio ed ecco che è nato il progetto che poi è diventato protagonista al concorso organizzato da Coop Estense. I ragazzi dei professori Michelini e Cilloni hanno messo a punto un robot, dotato di tablet con videocamera, con lo studente che può spostare il robot tra i banchi e tra le aule, continuando a rimanere connesso e a seguire le lezioni. Inoltre i suoi compagni potevano e potranno continuare a vederlo sul tablet collegato alla video camera del suo cellulare. Ora, fortunatamente, lo studente è completamente

guarito e non ha più bisogno del robot e dei collegamenti visivi a distanza , ma i ragazzi del Galilei vogliono continuare costruire altri robot per eventuali alunni bisognosi, ma anche per la scuola del reparto di oncologia pediatrica del policlinico di Modena.

Gianluca Pedrazzi

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon