Quotidiani locali

Modena, acque in calo ma l’allerta piene rimane

Riaperto il ponte di Navicello. Da stamattina massima attenzione ai livelli. Previsti 5 giorni consecutivi di precipitazioni

MODENA. «Guardate, il Panaro è calato di una ventina di centimetri». L’agente della polizia municipale arrivato da Nonantola con la collega di turno sta osservando le acque dal ponte di Navicello: dopo una notte di chiusura e preoccupazione, il ponte è stato riaperto ieri all’alba. Le acque erano effettivamente calate in modo sensibile. Lo indicava l’idrometro. E anche ieri pomeriggio l’Arpa Emilia-Romagna indicava il livello in calo del fiume tramite il servizio di monitoraggio costante e in tempo reale pubblicato sul sito. Il Panaro, anche le se le acque scorrono velocemente, ieri pareva insomma sotto controllo.

Non così invece il Secchia. Come sempre, il fiume ha i suoi scatti “umorali” e le sue impennate. Ieri mattina al ponte dell’Uccellino le auto passavano senza problemi: le acque erano alte ma non tali da destare preoccupazione. Il livello segnato da Arpa era di 7,30 metri, in lieve ascesa. Tutto sotto controllo anche al ponte della Barchetta, tra Modena e Campogalliano, spesso intasato di detriti e rifiuti fluviali. Ieri, invece, le acque erano pulite; tronchi a ostruire il decorso del Secchia non ce n’erano. Un segno visibile che la pulizia è stata fatta.

La giornata è insomma trascorsa tranquilla, ma l’attenzione era già tutta volta a oggi. È infatti prevista una nuova ondata per il Secchia e forse anche per il Panaro. Parlare di piena è però prematuro. Lo stato di allerta fluviale quindi prosegue in attesa di capire se le acque si gonfieranno di più di quanto non già successo oppure no dopo le ultime intense piogge.

In ogni caso, Secchia e Panaro sono tenuti sotto controllo tramite la rete di monitoraggio collegata con la sala operativa del Centro unificato della Protezione civile a Marzaglia.

Per quanto riguarda la viabilità, salvo la chiusura fino a sera di ponte Motta a Cavezzo (vedi servizio qui sotto), non esistono problemi di circolazione in provincia. Fino a ieri sera il traffico era infatti regolare su tutti i ponti. La situazione meteo non è però favorevole perché le previsioni parlano, dopo la tregua di ieri, di una nuona impennata del cattivi tempo. Il meteorologo Edoardo Ferrara di 3BMeteo, ad esempio, annuncia ben cinque giorni continuati di pioggia per il Nord Italia a causa di una bassa pressione provenienti dalla penisola iberica che investirà il Nord Italia e anche l’Emilia-Romagna. Dopo cinque giorni consecutivi, sono previste accumulazioni di acqua piovasca fino a 250-300 mm. Modena potrebbe però essere interessata a un diverso scenario meteo previsto per l’area Nord Est d’Italia: questa zona è infatti

al margine di un effetto ciclonico che potrebbe portare a precipitazioni più deboli se non addirittura schiarite da oggi a venerdì prossimo. C’è da sperare di rientrare in questa ipotesi meteo mentre i fiumi portano a valle le acque piovane degli ultimi giorni.

Carlo Gregori

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista