Quotidiani locali

Maranello, ghostbusters a caccia del fantasma di Villeneuve

Lo hanno avvistato per le strade del paese e ha predetto il futuro della Ferrari. Oggi arrivano gli acchiappafantasmi per indagare: «Sveleremo la sua profezia...»

MARANELLO. Leggi Ghostbusters e nella testa scatta la musichetta “naranna nnanara narannanna nara”. Il ritornello della saga è uno dei più famosi del mondo e allora non ce ne vogliano i componenti del National Ghost Uncover se la canticchiamo.

È il nome dell’associazione degli acchiappafantasmi italiani, con sede a Riccione e nata il 10 gennaio 2010. Non è a scopo di lucro ed è composta da 97 membri: tra questi ce ne son ben 41 che non credono all’esistenza dei fantasmi. Si avete letto bene non credono ai fantasmi. E dentro c’è un po’ di tutto, un fisico novantenne, studenti e commesse. Oggi tre di loro, compreso il presidente Massimo Merendi, saranno a Maranello, zona museo Ferrari, per scovare il fantasma di un mito della storia della Rossa: l’indimenticato pilota Gilles Villeneuve.

Da quattro anni a questa parte, infatti, dal 19 novembre 2012, il suo spettro sarebbe stato avvistato varie volte aggirarsi per le strade del paese. Più precisamente il totale è stato di 14 segnalazioni e 5 avvistamenti. In due casi la figura di Villeneuve sarebbe stata ben identificabile e in uno addirittura avrebbe parlato, facendo una predizione sul futuro della Rossa e di Marchionne. Buone notizie, pare.

Almeno così racconta Merendi alla vigilia del suo arrivo a Maranello: «A dir la verità già da una settimana abbiamo portato avanti delle “verifiche a esclusione”, ovvero degli esperimenti per assicurarci che non vi siano disturbi elettromagnetici in zona, come ad esempio, antenne radiotelefoniche. Oggi faremo ulteriori test e per le prossime 48 ore installeremo una strumentazione fissa per monitorare la zona degli avvistamenti».

L’interesse dei Ghost Uncover per Maranello nasce nel 2015, quando per la prima volta sono stati contattati: «Da quel giorno abbiamo iniziato le nostre indagini. Innanzitutto c’è una fase conoscitiva delle persone che sono testimoni degli avvistamenti. Ci assicuriamo che non siano imparentate tra loro e che non siano membri della stessa associazione. Se chi ci contatta e gli altri testimoni sono credibili allora iniziamo l’indagine di campo vera e propria».

Ma come si presenta il fantasma di Villeneuve?

«Come ombra, ma una volta anche a figura intera. Un po’ più alto di come era. Ma secondo uno dei testimoni, che lo ha conosciuto in vita, era lui. E una volta lo hanno anche visto all’interno dello stabilimento Ferrari».

Ma l’obiettivo dei Ghost Uncover non è quello di dimostrare l’esistenza o meno dei fantasmi in generale: «Ad oggi non esistono strumenti che ne dimostrino l’esistenza e non sono mai state scattate fotografie agli spettri. Siamo

solo persone che nel loro tempo libero si dedicano allo studio delle testimonianze e degli avvistamenti».

E la profezia? «Questa la sveleremo solo oggi a Maranello. Posso solo dire che è molto positiva per il futuro della Rossa...» Anche perché peggio di così è dura.(gib)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista