Quotidiani locali

“Vestita” la torre dei Modenesi

Nonantola. Un telo circonda le impalcature e racconta anche la sua storia

NONANTOLA. Il telo che per consuetudine viene posizionato sulla impalcatura di un cantiere, a volte può replicare grazie ad un disegno stampato l'immobile sul quale si sta lavorando. Questa è la scelta che è stata adottata dalla ditta di Castelnuovo Monti che lavora per il ripristino della Torre dell'Orologio, anche detta Torre dei Modenesi, lesionata dal sisma 2012. Daniele Ghidoni, assessore ai Lavori Pubblici spiega: «Nella voce delle proposte migliorative, l'impresa ha incluso la copertura con la specifica che si sarebbe trattato di un telo disegnato. Ma i dettagli apportati per rendere più fruibile la zona sono anche altri. Il passaggio pedonale è stato ampliato e illuminato. La parete di rinforzo che corre lungo un lato è fatta di pannelli di materiale isolante per proteggere l'acustica e, quindi, filtrare i rumori provenienti dal cantiere medesimo». Soddisfatti i nonantolani, incuriositi però dai segni e dai numeri che

lungo il telo creano un insieme grafico dalla difficile interpretazione. I segni sono i punti dove dal 1300, anno di costruzione della torre, sono stati effettuati lavori. I numeri riguardano gli studi fatti durante alcune indagini storico-archeologiche sull'immobile.

Patrizia Cantusci

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon