Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Viabilità a Modena e provincia: investimenti per 25 milioni di euro aspettando i cantieri

Bonaccini e Muzzarelli presentano un piano provinciale sulle infrastrutture stradali: lavori al via entro due anni

MDENA Piovono milioni, in totale 25 di fondi pubblici italiani ed europei, per le future infrastrutture modenesi. I cantieri apriranno tra 2017 e 2018 e riguardano il completamento della strada provinciale Pedemontana in due tratti (12 milioni di euro), la nuova tangenziale sud di Formigine (5,5 milioni), la sistemazione delle Curve “Carrai” e “Acquabona” di Pavullo nel Frignano (7 milioni di euro), la nuova rotatoria tra la strada provinciale 13 e la strada comunale “Fornace” a Campogallian ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MDENA Piovono milioni, in totale 25 di fondi pubblici italiani ed europei, per le future infrastrutture modenesi. I cantieri apriranno tra 2017 e 2018 e riguardano il completamento della strada provinciale Pedemontana in due tratti (12 milioni di euro), la nuova tangenziale sud di Formigine (5,5 milioni), la sistemazione delle Curve “Carrai” e “Acquabona” di Pavullo nel Frignano (7 milioni di euro), la nuova rotatoria tra la strada provinciale 13 e la strada comunale “Fornace” a Campogalliano (855 mila euro).

Ieri la presentazione a Modena con il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il sindaco di Modena e presidente della Provincia Muzzarelli e gli amministratori delle aree interessate. In attesa di vedere, a marzo, l'inaugurazione della bretella Campogalliano-Sassuolo non compresa in questo lotto di lavori gli amministratori hanno sottolineato l'importanza delle nuove infrastrutture per lo sviluppo delle imprese modenese. Ecco la sintesi dei lavori dei futuri cantieri annunciati. Nuova rotatoria tra la S.P. 13 di Campogalliano e strada Fornace di Campogalliano. Non si parte subito, perché i lavori sono allo stato di progetto di fattibilità tecnico economica per un costo di 855 mila euro di cui 330 mila del Fondo di coesione e sviluppo. «Questa arteria - spiega l'assessore regionale alle infrastrutture Raffaele Donini - è una delle più pericolose della regione. Qui ci sono stati due morti e numerosi feriti, è un black point.

Nel 2015 a Modena ci sono stati quasi 3mila incidenti con oltre 40 morti. Per la messa in sicurezza è stata studiata una rotatoria a quattro bracci ampia venti metri». Tangenziale Sud di Formigine con collegamento alla superstrada Modena-Sassuolo. Il progetto definitivo vale 5 milioni 415 mila euro «toglierà traffico - spiega il sindaco di Formigine Maria Costi - al centro storico visti i camion che raggiungono la zona industriale dalla superstrada».

Quarto stralcio della Pedemontana, via Gualinga. Stato di avanzamento: progetto definitivo, costo 4 milioni di euro mentre il tratto tra via Gualinga e via Montanara ne costerà ulteriori 7,8 milioni. Dagli inizi la Pedemontana è costata una settantina di milioni di euro. «Si tratta di un nodo strategico - spiega Muzzarelli - che, per la sola provincia di Modena, ha goduto di finanziamenti complessivi per oltre 41 milioni di euro, di cui 32,5 a carico della Regione e i rimanenti come cofinanziamenti di altri enti».

Lavori di sistemazione delle Curve “Carrai” e “Acquabuona”, Pavullo nel Frignano. Finanziati con 6,9 milioni dell'Anas, serviranno a mettere in sicurezza i tratti della strada statale 12. «Alla Regione - spiega Muzzarelli - avevamo chiesto di tenere conto di opere fondamentali e gli impegni sono stati mantenuti. Soprattutto è strategica la Pedemontana che unisce Reggio, Sassuolo, la valle dei Ciliegi e Bologna. Dopo il casello di Valsamoggia aumenterà livello di competitività grazie a infrastrutture all'avanguardia».

Conclude il presidente Bonaccini: «C'erano delle priorità perché occorre creare opportunità in più per il mondo del lavoro, con nuovi cantieri sul territorio. Lo facciamo con la spesa pubblica, poi arriveranno anche gli investimenti privati in un territorio che reagisce bene alla crisi con un calo di 2% della disoccupazione e 50mila occupati in più».