Quotidiani locali

municipio

Carpi Futura “sistema” il bilancio

«Soldi buttati per un terreno, meglio le nuove dotazioni ai vigili»

Il gruppo di Carpi Futura ha setacciato il Bilancio 2017 del Conune. I consiglieri Anna Azzi, Paolo Pettenati e Giorgio Verrini, con Fulvio Ferrarini e Lorenza Pallavicini, hanno così stilato una proposta di emendamento per dare maggiore priorità alla sicurezza.

«È prevista nel bilancio una spesa di 150mila euro per acquistare un piccolo terreno in via Catellani (l’ex buca della Messaggeria Emiliana) - si legge nella proposta - Riteniamo che tale spesa (passata negli anni, senza ragione oggettiva, dagli iniziali 300mila euro a 200mila euro e, ora, a 150mila) sia inutile per i carpigiani, che non hanno bisogno di un fazzolettino di terra da aggiungere al parco della Resistenza. Proponiamo lo spostamento di tale spesa per portarla in trasferimento alle Terre d’Argine in conto capitale per l’acquisto di strumentazioni per la Polizia Municipale finalizzate alla maggiore sicurezza».

I consiglieri evidenziano anche l’emergenza povertà. «Valutato un forte gap tra propositi enunciati e risorse stanziate - punzecchiano rivolti a sindaco e presidente del consiglio - si propone la costituzione di un Fondo di Garanzia di almeno 2 milioni di euro per offrire garanzie fidejussorie a fronte di finanziamenti del microcredito per nuove imprese, progetti innovativi e iniziative presenti nel Comune di Carpi. Si propone, inoltre, di costituire

un fondo di almeno 1 milione di euro per offrire garanzie fidejussorie a fronte di finanziamenti destinati alle famiglie e di stanziare almeno 500 mila euro a integrazione delle somme erogate dalla Fondazione Crc ridottesi, negli ultimi due anni, da 1 milione a 600 mila euro». (vc)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik