Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena: salvano due labrador in tangenziale

Li hanno ribattezzati Positivo e Negativo per il colore del loro manto: bianco lei, nero lui e per l’insolito guinzaglio, un cavo della batteria, utilizzato per evitare il peggio. Di chi stiamo...

Positivo e negativo i labrador salvati in tangenziale a Modena

MODENA. Li hanno ribattezzati Positivo e Negativo per il colore del loro manto: bianco lei, nero lui e per l’insolito guinzaglio, un cavo della batteria, utilizzato per evitare il peggio. Di chi stiamo parlando? Di Ziggy e Zolfo, i due labrador ritrovati ieri mattina in tangenziale.


La prima ad accorgersi degli inusuali frequentatori della str ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Positivo e negativo i labrador salvati in tangenziale a Modena

MODENA. Li hanno ribattezzati Positivo e Negativo per il colore del loro manto: bianco lei, nero lui e per l’insolito guinzaglio, un cavo della batteria, utilizzato per evitare il peggio. Di chi stiamo parlando? Di Ziggy e Zolfo, i due labrador ritrovati ieri mattina in tangenziale.


La prima ad accorgersi degli inusuali frequentatori della strada è stata una giovane residente nella zona.
«Stavo uscendo dalla Modena-Sassuolo quando allo svincolo per l’ospedale di Baggiovara mi sono accorta dei due cani», racconta Martina, amante degli animali. Sono passati pochi istanti e la ragazza aveva capito che il rischio per i due cani, oltre che per gli automobilisti, era elevato. «Sarebbero finiti sotto ad un’automobile - spiega la giovane - e avrebbero potuto provocare incidenti. Così ho spento la macchina e aperto la portiera: appena mi hanno visto sono saliti sulla mia auto».

Poi cos’è successo? «Ho chiamato i numeri preposti per questo genere d’emergenza. Quando mi sono accorta che stava arrivando, proprio dietro di me, una macchina della polizia. I due poliziotti mi hanno immediatamente aiutato. Solo uno dei due labrador aveva il collare e si rischiava di perderli. Tuttavia, si notava che erano curati: probabilmente erano scappati da casa».
Nel frattempo, sul posto era giunto un altro automobilista. «Pensavo di avere un guinzaglio in macchina - dice Cristian - ma avevo solo un cavo della batteria. L'abbiamo messo intorno al collo dei cani, come fosse un collare: l’importante era che non ci scappassero».


L’accalappiacani era arrivata per verificare la presenza del microchip e risalire al padrone. Il proprietario, avvertito dell’accaduto, in pochi minuti si è presentato per riportare a casa i due cagnoni.