Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena, filo di ferro e zanzariere per creare un mondo d’insetti 

“Malafede” è il progetto di due ragazzi, Federica Venier e Federico Grandi, lei scuola d’arte, lui attore amatoriale, partiti da un concorso a Mantova ed oggi espositori in importanti rassegne

Federico e Federica costruttori di insetti giganti

MODENA. Insetti giganti, eleganti e maestosi, opere originali frutto di un progetto di coppia, Malafede, che i suoi stessi protagonisti definiscono un progetto bipolare. «Abbiamo iniziato per caso, partecipando a un concorso artistico a Mantova dove sperimentammo per la prima volta le tecniche che ora stiamo percorrendo, creando per quell’occasione un so ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Federico e Federica costruttori di insetti giganti

MODENA. Insetti giganti, eleganti e maestosi, opere originali frutto di un progetto di coppia, Malafede, che i suoi stessi protagonisti definiscono un progetto bipolare. «Abbiamo iniziato per caso, partecipando a un concorso artistico a Mantova dove sperimentammo per la prima volta le tecniche che ora stiamo percorrendo, creando per quell’occasione un soggetto floreale in struttura metallica con copertura in zanzariera che creava un effetto di trasparenza e leggerezza che piaceva a entrambi - raccontano Federica Venier e Federico Grande - Nasce da qui la filosofia o non filosofia intorno a cui ruota il nostro progetto, nel senso che noi vogliamo distruggere la retorica dell’opera artistica e creare un’opera prima di tutto gradevole all’occhio, intenzione semplice nella sua neutralità».

Una foto, una storia. gli insetti giganti di Federico e Federica

Ragni, locuste, falene, farfalle, fino a tre metri di altezza, creati con ferro e zanzariere cuciti con filo metallico. «Una volta abbiamo anche utilizzato dei cd come materiale per le nostre creazioni - raccontano i ragazzi - La verità è che ogni volta sperimentiamo qualcosa di diverso. Il tema degli insetti ci ha affascinato da subito perché offre una vasta gamma di metafore - proseguono Federico e Federica che hanno esposto anche a Entomodena, la più grande esposizione di insetti e invertebrati in Italia che l’8 e 9 aprile torna in città, sorprendendo grandi e piccini che hanno voluto farsi l’immancabile selfie all’ombra di queste insolite creazioni - Dentro l’opera ci puoi collocare diversi e molteplici significati, a seconda di dove tu vuoi collocare l’opera stessa e siamo noi a chiedere allo spettatore cosa essa suscita in lui, senza volere comunicare a chi guarda un messaggio preciso.

Questo perché il mondo è caratterizzato da una vastità tale di opinioni ed emozioni che vanno lasciate libere: noi lanciamo il sasso nello stagno e poi guardiamo come si allarga il cerchio». Federica ha fatto la scuola d’arte, mentre Federico viene dal mondo del teatro, da una compagnia amatoriale dove è rimasto per otto anni dedicandosi anche alla cura e all’allestimento delle scenografie. «Poi ho imparato a saldare su YouTube ed eccoci qui - sorride - Il nostro laboratorio è il nostro garage; dipende dalla complessità del soggetto ma mediamente una nostra creazione richiede due mesi di tempo. Cercare di allestire l’auto ogni volta che ti devi spostare per partecipare a qualche evento con i nostri insetti è sicuramente la parte più artistica del nostro lavoro - scherzano i ragazzi - Una volta risolta la logistica è tutto in discesa. Ultimamente ci stiamo indirizzando verso grandezze inferiori, perché lo spazio è sempre troppo poco e le nostro creazioni sono davvero imponenti. Il sogno rimane quello di farci e farle conoscere al pubblico, attraverso mostre, eventi e quello che verrà». Per vedere le fotografie di queste originali creazioni segnaliamo la pagina facebook Malafede project.