Quotidiani locali

Mirandola, Piazza Duomo blindata e due maxi schermi  per l'arrivo di papa Francesco

Mirandola, Piazza Duomo blindata e due maxi schermi  per l'arrivo di papa Francesco

Mirandola. I vigili del fuoco hanno relizzato una passerella in legno nella chiesa Percorrerà le vie Luosi e Don Minzoni. Posti per 1500. La sosta a San Giacomo

MIRANDOLA. Un’ora di visita, una comunità che lo attende a braccia aperte. Dopodomani alle 16.30 Papa Francesco arriverà nella città natale di Pico. Sono passati 506 anni dalla fine dell’assedio da parte del suo predecessore Giulio II, in guerra contro la Signoria della Mirandola. Il messaggio del pontefice domenica intende essere invece di pace e di speranza a quasi un lustro dal terremoto.

Il Santo Padre potrà vedere tanti segni lungo il percorso. Giungerà in auto da Carpi, percorrerà via Luosi e quindi arriverà in via don Minzoni, sede della canonica. Il comitato d’accoglienza sarà costituito dal sindaco Maino Benatti e dal parroco don Flavio Segalina. Jorge Mario Bergoglio ha manifestato il desiderio di visitare l’interno del duomo. Una squadra dei vigili del fuoco ha costruito una pedana di legno per facilitare l’accesso al pontefice tra le impalcature con cui è stata messa in sicurezza la cattedrale. In piazza della Conciliazione ci sarà una piccola folla ad attenderlo. Da domani saranno sgomberate le auto normalmente in sosta (già ieri figuravano le transenne con le indicazioni). Don Flavio ha spiegato che possono essere accolte fino a 1.500 persone davanti all’ingresso del duomo, quindi difficilmente tutti riusciranno a esser ospitati lì davanti.

È previsto un palco fino a ieri mattina ancora non allestito. Si valutano due maxischermi in via Pico e un altro in piazza Costituente. In prima fila avranno un settore dedicato i familiari delle vittime del terremoto. A loro sarà indirizzata una parte importante del discorso che il pontefice pronuncerà prima di ripartire, ripercorrendo via Roma per poi immettersi lungo la statale. La tappa successiva sarà a San Giacomo Roncole. Nella frazione il Santo Padre renderà un omaggio floreale alle persone passate a miglior vita il 20 e 29 maggio 2012. Il passaggio sarà significativamente alla stele inaugurata lo scorso maggio. Quelle assi orizzontali e verticali richiameranno a una ricostruzione ancora tutta da completare.

Già sono state allestite bandiere lungo il percorso. Il biancorosso con il disegno di due roncole è un richiamo alla frazione; il biancogiallo con le chiavi di San Pietro e la tiara papale è il simbolo della Santa Sede. La partenza verso Roma è prevista verso le 17.30 dal campo alle spalle della chiesa e di fronte alla piazza dedicata a Don Zeno Saltini, ex parroco di San Giacomo e creatore della comunità di Nomadelfia. Alle 19 è previsto l’arrivo in Vaticano.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon