Quotidiani locali

Vai alla pagina su Zero14
Bimbi in bicicletta: Sicuro che sai andare in bici... Ma un po’ più sicuro è meglio 

Bimbi in bicicletta: Sicuro che sai andare in bici... Ma un po’ più sicuro è meglio 

Regole e buone abitudini per limitare al massimo i rischi fin dalla primissima età Seggiolino, triciclo e rotelle. Oppure passando in autonomia dalla balance bike 

Buone notizie per i cicloamatori. L’assessore alla Mobilità Gabriele Giacobazzi comunica che sono aumentate del 66% le piste ciclabili in città e provincia rispetto a otto anni fa e sono previsti, entro il 2018, tra i vari lavori di ampliamento e costruzione, anche il primo stralcio del percorso di collegamento tra San Damaso e San Cesario sul Panaro e una passerella ciclabile sul fiume Tiepido, per mettere in comunicazione strada Curtatona e stradello Massa. Intanto, complice la bella stagione e sperando che le temperature tornino ad allontanarsi dallo zero (ma ci hanno assicurato che accadrà) possiamo iniziare a pensare alle prime gite sui pedali per noi e i nostri bambini.
Ripassiamo le regole?
Per quanto riguarda il seggiolino va ricordato che il trasporto è consentito per bambini che non abbiano superato gli 8 anni di età. Se posto anteriormente i bimbi non devono superare i 15 Kg, se posteriormente il limite è fissato a 25 Kg. Deve inoltre essere munito di schienale, sistema di fissaggio e sicurezza e deve essere presente il dispositivo di protezione per i piedi. Sembra scontato ma è opportuno sottolineare che per la sicurezza di entrambi non deve essere ostacolata la visuale né la libertà di manovra del conducente, che deve comunque sempre essere maggiorenne. Se state acquistano un nuovo seggiolino controllate che sia presente la marchiatura di legge e che ci siano anno di produzione e nome del produttore.
Se fate gite lunghe e i bambini sono troppo grandi per il seggiolino potete optare per i rimorchi: sono dei carrellini coperti / scoperti, agganciati posteriormente alla bici, usati fino a qualche anno fa quasi solo dai turisti provenienti dal Nord Europa ma ormai fortunatamente adottati e facilmente reperibili anche qui da noi.
Le regole: la larghezza massima del rimorchio non deve superare i 75 cm. L’altezza non deve superare il metro. La massa trasportabile non può superare i 50 Kg. Devono inoltre essere presenti e funzionanti i dispositivi di segnalazione visiva sia posteriori sia laterali.
Esistono anche le appendici: le avrete viste, sono quelle mezze bici che vengono agganciate con un tubo a quella dell’adulto, perfette perché i bambini più cresciutelli possono pedalare in autonomia.
Se invece volete avvicinare il bimbo alla sella (e alla libertà), ma è piccolino, ovvero indicativamente ha dai 2 ai 5 anni, potreste abbandonare l’idea del classico passaggio triciclo – bici con rotelle – bici senza rotelle e iniziare invece con una balance bike (traduzione letterale bici dell’equilibrio).
Questo tipo di bici, senza pedali e senza rotelle, sono usatissime nel Nord Europa, dove rappresentano il primo step naturale per imparare ad andare in bicicletta. Si trovano in legno, plastica e acciaio o alluminio, sono molto spartane, niente fronzoli, niente cestini. Alcune prevedono i freni, altre no. Di certo c’è che aiutano il bambino fin dai 17 / 18 mesi ad acquisire equilibrio e familiarizzare con la bici in modo autonomo ed evitano agli adulti i mal di schiena da ti tengo poi ti mollo, delle prime pedalate con le biciclettine tradizionali. Volendo, esistono anche modelli che si trasformano in bici con i pedali. “Su una bici senza pedali non solo si impara a curvare più facilmente e nel modo corretto, ma si acquisisce e si migliora l’equilibrio, stimolando la propriocettività del bambino ovvero la percezione di sé in rapporto al mondo esterno. Dal punto di vista psicomotorio la balance bike permette di acquisire più “tasselli
motori” rispetto a quella con le rotelle” spiega Matteo Cappé, direttore responsabile di Bicilive.it e papà di due bimbi di cui racconta avventure sui pedali fornendo anche suggerimenti e spunti utili ai genitori nelle pagine del sito stesso (http://urban.bicilive.it/author/matteocappe/).

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon