Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

I migranti puliscono il parco della Pace

NONANTOLA. «Sabato, insieme ai volontari del Ceas, i migranti hanno contribuito alla pulizia del Parco della Pace». A dare la notizia è stato il sindaco di Nonantola Federica Nannetti tramite il...

NONANTOLA. «Sabato, insieme ai volontari del Ceas, i migranti hanno contribuito alla pulizia del Parco della Pace».
A dare la notizia è stato il sindaco di Nonantola Federica Nannetti tramite il proprio profilo Facebook: «Nonostante qualcuno provi ad affermare il contrario - ha scritto -, Nonantola è un paese che accoglie chi ha bisogno. Lo ha fatto in un evento che ha segnato la sua storia, mettendo al riparo bambini e ragazzi ebrei dalla follia nazista, a rischio della propria vita. È gius ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

NONANTOLA. «Sabato, insieme ai volontari del Ceas, i migranti hanno contribuito alla pulizia del Parco della Pace».
A dare la notizia è stato il sindaco di Nonantola Federica Nannetti tramite il proprio profilo Facebook: «Nonostante qualcuno provi ad affermare il contrario - ha scritto -, Nonantola è un paese che accoglie chi ha bisogno. Lo ha fatto in un evento che ha segnato la sua storia, mettendo al riparo bambini e ragazzi ebrei dalla follia nazista, a rischio della propria vita. È giusto farlo ora, offrendo riparo per qualche mese a ragazzi che fuggono da fame, guerra e povertà. A maggior ragione perché i nonantolani non rischiano o perdono nulla, nemmeno nei servizi che l’amministrazione comunale garantisce loro, e in particolar modo alle fasce più deboli della nostra cittadinanza».
Tra l’altro in paese, proprio pochi giorni fa, erano stati accolti altri dieci richiedenti asilo (sette dal Bangladesh, tre dalla Nigeria) che si sono aggiunti ai diciotto già ospitati. Per gli ultimi arrivati saranno attivati percorsi che ne facilitino l’integrazione. Il primo ostacolo è l’italiano e proprio per questo saranno attivati corsi di lingua. Per quanto riguarda i progetti lavorativi il sindaco ha annunciato che si sta per concludere «un accordo con Geovest perché possa fare ai ragazzi prima un po’ di formazione per poi dotarli degli strumenti necessari ad aiutare nella pulizia del paese». (gib)