Quotidiani locali

Castelnuovo: sniffano un farmaco, due trentenni in coma

Due trentenni sono in coma dopo aver sniffato scopolamina nel corso di una festa privata tra amici, a Castelnuovo Rangone. La scopolamina, chiamata 'respiro del diavolo', conosciuta anche come ioscina, è un farmaco alcaloide allucinogeno ottenuto da una pianta

CASTELNUOVO. Due trentenni sono in coma dopo aver sniffato scopolamina nel corso di una festa privata tra amici, a Castelnuovo Rangone. La scopolamina, chiamata 'respiro del diavolo', conosciuta anche come ioscina, è un farmaco alcaloide allucinogeno ottenuto da una pianta. In dosi minime si trova all'interno di alcuni medicinali, ma se sniffata in quantità superiore può portare anche alla morte.

I due sono ricoverati all'ospedale di Baggiovara, in terapia intensiva. Versano in gravi condizioni. Un terzo coetaneo, che ha a sua volta sniffato la sostanza, ha avuto un malore, ma il suo stato di salute è meno grave, pur essendo anch'egli ricoverato all'ospedale di Baggiovara.

Gli investigatori, sentiranno tutti i partecipanti alla festa privata, ma soprattutto il terzo giovane che ha assunto la sostanza restando però cosciente. Non è ancora chiaro, ad esempio, se oltre alla scopolamina i tre abbiamo ingerito anche alcol in quantità tali da creare un mix potenzialmente letale.

Una volta giunti all'ospedale di Baggiovara, è partita subito la segnalazione dei medici al posto di polizia del nosocomio ed è quindi stata avviata un'indagine che si preannuncia molto complessa. "La

sostanza è estremamente tossica e deve essere impiegata in dosi ridottissime - dicono gli esperti -. Dosi elevate possono provocare fenomeni di depressione, stanchezza o sonnolenza. L'overdose può causare delirio, allucinazione, paralisi, stato soporoso, perdita di coscienza fino alla morte".

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik