Quotidiani locali

Vai alla pagina su Vascomania
PARLIAMOCI La voglia che avevi in più

PARLIAMOCI La voglia che avevi in più

L’ultima volta che Modena finì sotto stress nel far fronte a un afflusso di massa legato a un evento fu in occasione dei funerali di Luciano Pavarotti. Il che ci dice, intanto, che sono passati 10...

L’ultima volta che Modena finì sotto stress nel far fronte a un afflusso di massa legato a un evento fu in occasione dei funerali di Luciano Pavarotti. Il che ci dice, intanto, che sono passati 10 anni senza più un’occasione che nel bene o nel male coinvolgesse e insieme mettesse alla prova la città, la galvanizzasse o la stordisse. E quella, comunque, era un’occasione triste, di cordoglio e commozione collettiva, il silenzio e la compostezza a far da padroni: mentre il concerto monstre di Vasco Rossi al parco Ferrari nasce come festa, un kolossal rumoroso per definizione e ispirato, innervato, dal senso di spensieratezza, border line rispetto alle regole, che il guru di Zocca con semplicità un po’ rock e molto pop canta, impersona e predica da 40 anni: liberi, liberi, siamo liberi...

Modena Park: si accendono le luci sul maxipalco di Vasco Rossi Ecco le immagini suggestive delle prime prove luci del superpalco di Vasco Rossi a Modena... Modena Park. Il gran giorno si avvicina e il palco è ormai pronto. Un palco spettacolare come dice Vasco "Enormi SCHERMI per oltre 1500 metri quadri di schermi : 1 centrale gigantesco piu’ altri 4 (due per parte) enormi. Si muoveranno su dei binari, separatamente o tutti insieme a formare le diverse videoscenografie (40) della regia in diretta: storie dentro la storia. Altri Schermi giganteschi saranno sparsi per il parco in maniera da agevolare la visione del concerto a tutti". Eccone un assaggio Video Gino Esposito Speciale Modena Park Vascomania| La guida per chi va al concerto

Ma da che cosa? E soprattutto: di fare che cosa? Di trovare in primo luogo e presto un punto di equilibrio tra euforia e isteria, tra panico e faciloneria. Sì, sarà un’impresa travasare in una città un’altrettanta città in condizioni di sufficiente sicurezza e compatibilità: ma il disfattismo capzioso e allo stesso modo il sottovalutare le esigenze di chi non può elidersi dalla città in cui vive per un concerto, portano per strade contrapposte a un identico risultato, deludente.

leggi anche:

Come conciliare le diverse fibrillazioni emotive che si sovrappongono in questi giorni? Evitando che confliggano a ogni piè sospinto, a ogni restrizione imposta, a ogni controllo eseguito, nella speranza che le precauzioni sappiano attestarsi al confine della responsabilità senza rischiare la paranoia. Ed evitando di tifare, almeno questa volta, di gufare o esultare anzitempo, pro o contro qualcuno o qualcosa. Ne va comunque di Modena, se tutto andrà al meglio: per chi vuole vivere il più gigantesco concerto della storia come per chi vuole sopravvivergli per due o tre giorni. Perché poi non ci si trovi (andasse storto qualcosa, fosse un flop) a chiedersi, proprio come in quella canzone: “che cos'è che ora non c'è più? Cosa diventò, cosa diventò quella voglia, che avevi in più”. E che prima di ModenaPark, a volte, sembrava non esserci più. Vero, Modena?
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare