Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Quelli che Vasco Rossi è qualcosa che devi tatuarti sulla pelle

“Vasco per sempre”, una passione quella per il rocker di Zocca da imprimersi indelebilmente sulla pelle. E chi meglio di lui, artista del genere dagli innumerevoli Guinness World Records, poteva...

MODENA “Vasco per sempre”, una passione quella per il rocker di Zocca da imprimersi indelebilmente sulla pelle. E chi meglio di lui, artista del genere dagli innumerevoli Guinness World Records, poteva pensare ad un evento nell’evento - il mega concerto del Blasco del 1° luglio a Modena – che imprima un segno tangibile sul corpo dei suoi fan a futura memoria dell’amore che li lega?

La risposta è scontata, Alessandro Bonacorsi, in arte Alle Tattoo, che durante la settimana del grande evento ch ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA “Vasco per sempre”, una passione quella per il rocker di Zocca da imprimersi indelebilmente sulla pelle. E chi meglio di lui, artista del genere dagli innumerevoli Guinness World Records, poteva pensare ad un evento nell’evento - il mega concerto del Blasco del 1° luglio a Modena – che imprima un segno tangibile sul corpo dei suoi fan a futura memoria dell’amore che li lega?

La risposta è scontata, Alessandro Bonacorsi, in arte Alle Tattoo, che durante la settimana del grande evento che porterà al parco Ferrari più di 200mila persone da ogni parte d’Italia e non solo, ospiterà nel suo Studio di Limidi una open week dedicata proprio al popolo di fan del Vasco che voglia farsi un tatuaggio dedicato a lui.



«Dal 28 giugno al 3 luglio tatueremo chiunque venga qui per imprimersi sulla pelle un omaggio a Vasco - racconta Alle - sarà una maratona no stop, la “Vasco per sempre”, in cui per 24 ore al giorno io ed altri artisti del tattoo, provenienti da Milano e dalla Svizzera, faremo dei tatuaggi dedicati a lui ai suoi fan. Abbiamo già una prenotazione di tre ragazze siciliane che salgono a Modena per il concerto e ne approfittano per passare da noi a farsi il tattoo. Negli anni sono più di 500 i tatuaggi-dedica per Vasco che ho realizzato – ritratti, citazioni dei suoi pezzi, loghi – che raggrupperò in un libro da consegnargli quanto prima».

Una Blasco mania davvero per tutti i gusti - in fatto di scelta del tattoo - che nel racconto di Alle si fa classifica dei tatuaggi più richiesti dai fan: “La frase più gettonata è “La vita è un brivido che vola via..”, seguita dall’autografo fatto da lui con il pennarello sulla pelle dei fan che poi vengono qui da noi per renderlo indelebile. Quando Vasco si riposa a Zocca, infatti, mi è capitato di tatuare gente proveniente da Palermo, da Cagliari e da Lugano, che dopo essere stata in Appennino passava qui da me a Limidi per imprimersi la sua firma in misura definitiva. Tanti sono poi i ritratti del Blasco che mi hanno richiesto, come il tattoo di “Piernitro”, il logo disegnato dal figlio Luca e scelto da Vasco per presentare il singolo “Basta poco”, come tanti altri simboli e loghi dei suoi album di maggior successo”. Continuando a chiacchierare con lui, si scopre poi come tra gli innumerevoli fanatici di Vasco e appassionati di tattoo viga una sorta di par condicio di genere.

«Non c’è differenza tra ragazzi e ragazze, mi è capitato di tatuare indistintamente entrambi - puntualizza Alle - anche se devo ammettere che per quanto riguarda il suo autografo e le citazioni dei suoi pezzi, a richiedermeli sono più le donne tra i 35 e i 40 anni. E molte di loro vogliono il tattoo proprio sul petto per avere sempre Vasco vicino al cuore. Ma anche gli uomini non sono da meno, mi ricordo ancora di un ragazzo che si fece imprimere su tutta la gamba il testo completo di “Alba chiara”, o di un signore di 70 anni che ha voluto gli tatuassi “Liberi, liberi” perché gli ricordava l’ultimo concerto del Blasco a cui era andato insieme al figlio».

Valentina Corsini