Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tre giorni di musica con la festa delle bande

“Una tristezza così non la sentivo da mai, ma poi la banda arrivò e allora tutto passò”. Così cantava Mina esattamente cinquant’anni fa, nella canzone “La banda”. Con lo stesso spirito espresso da...

“Una tristezza così non la sentivo da mai, ma poi la banda arrivò e allora tutto passò”. Così cantava Mina esattamente cinquant’anni fa, nella canzone “La banda”. Con lo stesso spirito espresso da quelle strofe, arriva la 24esima edizione del festival “Quando la banda passò…”. La musica itinerante, non solo da ascoltare ma anche da vedere, unirà tutta la provincia di Modena passando dalla bassa all’Appennino, senza tralasciare la città. Tre giorni di festa che a partire da venerdì coinvolger ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

“Una tristezza così non la sentivo da mai, ma poi la banda arrivò e allora tutto passò”. Così cantava Mina esattamente cinquant’anni fa, nella canzone “La banda”. Con lo stesso spirito espresso da quelle strofe, arriva la 24esima edizione del festival “Quando la banda passò…”. La musica itinerante, non solo da ascoltare ma anche da vedere, unirà tutta la provincia di Modena passando dalla bassa all’Appennino, senza tralasciare la città. Tre giorni di festa che a partire da venerdì coinvolgeranno sei gruppi nazionali e internazionali con oltre 400 musicisti e color guards, pronti a intrattenere con ritmo e danze di bandiere. «Il titolo del festival è ispirato ad una canzone resa famosa da Mina nel 1967. - ricorda Agostino Molinari, organizzatore dell’evento - Una canzone che tanti anni fa ha ispirato il nostro progetto. Lo spirito è proprio quello di mostrare la giovialità e la bellezza di una banda che sfila per le piazze». Il festival è promosso e organizzato dall’Associazione “Music in Motion - Roncaglia’s Band” in collaborazione con i comuni di Modena, San Felice, Cavezzo e Serramazzoni, con il coinvolgimento di Modenamoremio e della banda cittadina “Ferri”. Una tre giorni che mira a creare nuovi momenti di aggregazione all’insegna della musica e a dare spazio al talento dei giovani. «Una caratteristica dei complessi partecipanti è che sono bande con musicisti dai 14 ai 30 anni». Spiega Molinari, che aggiunge: «Il programma si apre a San Felice il venerdì sera, allo stadio comunale, dove accoglieremo le prime bande in arrivo. Una banda ci raggiunge da Giacarta, Indonesia. L’ospitalità di un gruppo che viene da così lontano è una delle grosse novità di questa edizione. Un altro paese rappresentato è l’Olanda, che è quasi sempre presente alla nostra manifestazione. In nord Europa ci sono molte esperienze di festival bandistici dedicati in particolare all’arte della musica in movimento». I complessi che attraverseranno le strade di San Felice sul Panaro, Modena, Cavezzo e Serramazzoni sono «Bande non tradizionali. - argomenta Molinari - Oltre all’aspetto della qualità musicale privilegiano infatti anche la parte coreografica: quindi indosseranno uniformi particolarmente eleganti e li vedremo muoversi ed esprimersi in coreografie e caroselli spettacolari. Non a caso si chiamano Marching Show Band». Lo spettacolo di sabato sera al parco Novi Sad di Modena sarà accompagnato da una vera e propria sfida: «Una giuria internazionale esprimerà giustizi tecnici sulla qualità musicale, sull’eleganza e sulla precisione dei movimenti dei caroselli. Al termine dello spettacolo verrà proclamata la banda vincitrice del “World Band Challenge”». Presso l'ufficio di Modenamoremio è già possibile ottenere la prevendita dei biglietti per lo spettacolo del Novi Sad, altrimenti acquistabili la sera stessa. Poste italiane hanno istituito un annullo speciale. Gli spettacoli iin strada e piazza sono gratuiti.

Eleonora Degoli