Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Qui, dove il mare è un fiume O una piazza o una piscina... 

È estate, fa caldo (e cosa dovrebbe fare?) quindi: gavettoni, tinozze e bere molto Scherziamo, su, dai: ecco la mappa degli impianti per un tuffo a due passi da casa

Le spiaggette create dalle anse del Tiepido, che si allunga verso il Panaro, e della Secchia, che va a cercare la sua fusione col Po, si colorano di voci, risate, ombrelloni e tavolini. In collina il mare è così, coi sassolini bianchi e piatti da far rimbalzare, che vince chi va più lontano, e con sandalini, piedi nudi, cappellini, equilibrio incerto e ombroso riparo, quando si è fortunati, di alberi narcisi, che si specchiano sulle acque che scorrono.

Fa più caldo, molto più caldo in città, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Le spiaggette create dalle anse del Tiepido, che si allunga verso il Panaro, e della Secchia, che va a cercare la sua fusione col Po, si colorano di voci, risate, ombrelloni e tavolini. In collina il mare è così, coi sassolini bianchi e piatti da far rimbalzare, che vince chi va più lontano, e con sandalini, piedi nudi, cappellini, equilibrio incerto e ombroso riparo, quando si è fortunati, di alberi narcisi, che si specchiano sulle acque che scorrono.

Fa più caldo, molto più caldo in città, dove l’acqua a velo e gli zampilli della fontana di Piazza Roma, a Modena, si tingono di un color metallo che fatica a diventare color cielo ma va bene lo stesso e per i bambini diventa una foresta di acqua da passare, un fiume da attraversare. Con alcuni adulti che magari li invidiano eccome, i bambini che si infradiciano, oppure no, e scuotono la testa, rinsecchiti di divieti e paura, che a scivolare è un attimo e ci si fa male e non si deve, non si può. E nonostante tutto, diciamolo, al di là di tutto (le polemiche non mancano mai), è proprio magica e bellissima la sera quando si illumina e si colora o la mattina presto, prestissimo, quando ospita, attorno a sé, sessioni di yoga e rilassamento, come è accaduto qualche giorno fa, fiume lento di energia e di magliette bianche che si muoveva piano e respirava forte. In silenzio e sincrono perfetto.

Ma non servono grandi opere, a volte. Basta poco, che poi poco non è, basta l’intento, la voglia, la creatività, il fare. E non manca ai modenesi, si sa, no? Tanto meno a quelli del distretto ceramico, che hanno pensato bene di spostare “il mare a casa” nel parco Vistarino a Sassuolo. Il mare nel parco che con i suoi 80.000 mq è per dimensioni inferiore solo al Parco ducale… E così lì, nella zona di parco di viale Giacobazzi, non manca quasi nulla, tra sabbia, vasche, acqua, spruzzi, castelli da fare, piste, bolle di sapone, forse proprio solo l’odore di salso, manca, ma c’è l’ombra e c’è il profumo del sottobosco, e quindi non si può mancare, lì, che con l’acqua ci si gioca il martedì e il giovedì dalle 17 alle 19.

Poi ci sono le piscine scoperte, spesso aperte anche in orario serale. Dogali (via Dogali 12 tel: 059244478), Pergolesi (via Divisione Acqui 152 tel: 059373337), Città dei Ragazzi (aperta solo al mattino tel: 059302409), Gruppo Sportivo dei Vigili del Fuoco (via Formigina 129 tel: 059335024) in città, Green Club di via Giardini Nord, al civico 444, a Casinalbo di Formigine, e Casanova Club di San Pietro in Elda (via Belfiore 25° tel: 059908861), Albatros di Carpi(Piazzale delle piscine 3 tel: 049695749), Ondablu di Sassuolo (via Nievo 12 tel: 0536872105) e Formigine (via delle Olimpiadi 6 tel: 059574694), Olimpia di Vignola (via Portorello 1 tel: 059773612), Comunali di Pavullo (via Bellei 16 tel: 3457481715), Piscina Barracuda (Via Martiri Artioli 123) a San Cesario sul Panaro e quella di Bomporto (Piazza dello Sport tel: 059818120), l’Agua Center di San Felice sul Panaro (via Garibaldi 8 tel: 3400625027), le Komodo di Castelfranco Emilia (via Busacchi 21 tel: 059951130).

Certo che per trovare un vero e proprio parco acquatico bisogna scollinare e arrivare in Via Lido dei Calanchi, n 7 a Baiso, nel Reggiano (tel: 0522993084) con orario serale fino alle 22 il martedì, mercoledì, e giovedì: vasche con trampolino, idromassaggio e scivolo, quattro vasche per bambini, quattro scivoli, un campo beach volley e, al venerdì sera pure la discoteca “Sophia” (ex “Ku”) all'interno della struttura. O allungarsi fino all’Acquapark Villaggio della Salute Più nel bolognese, che è anche il più grande acquapark termale in Europa (via Tassinara 6 Monterenzio tel: 051929721).

L’alternativa? In attesa delle vacanze, gavettoni e tinozze, come una volta. E tanta acqua, anche da bere, che fa tanto bene.