Quotidiani locali

Svolta di Marchionne «La Ferrari farà un Suv»

Sarà «un prodotto diverso dagli altri, che non si potrà comparare con la Porsche Dobbiamo occupare nuovi spazi, senza perdere l’esclusività del nostro brand»

La Ferrari ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 136 milioni, in crescita del 30% rispetto all'analogo periodo 2016 e con un Ebit pari a 202 milioni (+29%). “Verso un altro grande anno”", ha commentato in cda Sergio Marchionne presidente e amministratore delegato di Ferrari. Ma la vera novità non sono i risultati economici, da qualche anno in continua salita. La “bomba” è che la Ferrari produrrà un Suv.

“La Ferrari non farà un Suv come quelli che esistono oggi sul mercato, non servirà per competere con Porsche. Un eventuale Suv della Rossa sarebbe un prodotto diverso, che non si può comparare con altri dello stesso segmento”. Si tratterebbe - ha spiegato Marchionne - di una vettura con caratteristiche del Suv, un utility vehicle che permetterebbe un utilizzo più ampio mantenendo le caratteristiche del brand”. Sarà una macchina “che non esiste oggi. Dobbiamo guardare ad altri modelli, occupare nuovi spazi”. Tenendo sempre presente che l’esclusività resterà al primo posto negli obiettivi. “Dobbiamo aumentare l'offerta senza perdere l'esclusività introducendo altri modelli”.”.

Ferrari ha chiuso il primo semestre con la consegna di 4.335 auto, in aumento di 239 unità rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno (+6%). Per l'intero anno, il gruppo di Maranello conferma le previsioni con la consegna in tutto il 2017 di 8.400 auto. A livello geografico, la Ferrari ha messo a segno un progresso del 5% in Europa e Medio Oriente-Africa, con l'Italia e la Francia che hanno registrato una crescita a due cifre, mentre Germania e Regno Unito hanno segnato “un incremento della fascia media dei valori a una cifra”. Le Americhe sono cresciute del 3% e la regione Asia-Pacifico del 20,5% grazie al forte contributo dell' Australia. Cina, Hong Kong e Taiwan, su base aggregata, hanno accusato un calo del 12,5% a seguito della decisione della Ferrari di concludere la collaborazione con il distributore di Hong Kong. “Sono soddisfatto dei risultati del secondo trimestre. Continuiamo a fare progressi” ha commentato Marchionne, che ha annunciato entro il primo trimestre del prossimo anno un Investor Day, in cui sarà presentato il nuovo piano industriale della casa di Maranello. A questo proposito, ha aggiumto

che “è possibile raddoppiare i livelli di produzione a Maranello. Le strutture ci sono gia”. E comunque “non è la fine del mondo superare quota 10mila. Quota 10mila definisce un costruttore di piccoli volumi. Bisogna essere molto cauti una volta superato questo livello”.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare