Quotidiani locali

Modena: «Favoriamo il turismo, multati»

Sanzione da mille euro alla “Same Same Travels” che organizza tour tra i monumenti: «Un’ingiustizia»

MODENA. «L’8 agosto ci è arrivata in sede una multa di mille euro e siamo caduti dalla nuvole. Ci viene contestato nel verbale della Municipale, con motivazioni vaghe e indefinite, di andare contro la legge regionale turistica. Siamo veramente dispiaciuti perché non è vero. Noi siamo altro».

A parlare è Giovanni Bottari, presidente dell’associazione Same Same Travels, nata a fine 2014, che da un paio di anni organizza delle passeggiate culturali. Si chiamano “Free walking tour Modena” ed hanno un certo successo presso turisti italiani e stranieri, tanto da essere patrocinati anche dal Comune che nello scorso marzo in un comunicato stampa ne spiegava fini e attività. Evidentemente, però, qualcuno a Modena non apprezza questa possibilità di svolgere visite ai principali monumenti della città. Spiega Bottari: «Abbiamo deciso di fare ricorso perché vogliamo vederci chiaro e quindi chiederemo un accesso agli atti per vedere chi ha mandato la polizia municipale che ha elevato una multa da mille euro, per noi non certo di poca entità. Siamo davvero sconcertati perché siamo arrivati a un clima di odio e accanimento che non trova giustificazione alcuna. Noi svolgiamo solo delle passeggiate culturali, così come tanti in Italia e ci appoggiamo a una guida professionale, nostra socia, dotata di regolare patentino provinciale così come prescrive la legge. Non facciamo servizi turistici e non ci sono passaggi di soldi: è tutto gratuito, al termine delle manifestazioni noi chiediamo solo se qualcuno vuole contribuire con una donazione. Tutto qua». In passato ci sono già stati screzi, che ancora appaiono sul profilo Facebook dell’associazione: «Ci sono dei leoni da tastiera - prosegue il presidente, odiatori di professione che non sanno fare altro che vomitare disprezzo verso tutto e tutti. Occorrerebbe invece un dialogo costruttivo, noi siamo disponibili da sempre. Abbiamo infatti rivolto vari appelli e richieste di incontro con guide e professionisti del settore turistico. Ma l’unica risposta è stata questa multa». La vicenda stavolta non pare destinata ad esaurirsi: «Ci hanno accusato di avere sede all’estero - conclude Bottari - e di guadagnare milioni di euro, ma quando mai? Dispiace anche che l’amministrazione comunale non si sia ancora pronunciata sulla vicenda, prendendo l’iniziativa». Il regolamento italiano relativo alle guide turistiche di un territorio è piuttosto ferreo - e forse un po’ datato - perché prescrive che non si possano accompagnare persone, neppure amici, in visita ai monumenti. Da tempo, ad esempio, problemi ce ne sono anche a Parma. Lo scorso aprile Same Same ha organizzato tre “passeggiate” domenicali descritte così sul sito del Comune: «Per camminare insieme e percorrere le strade del centro incrociando sguardi e parole tra chi è nato a Modena o ci vive da tanto e chi invece è arrivato da lontano. Per

scoprire sensazioni comuni mediate da sentimenti diversi, cogliere la bellezza mescolata alla nostalgia di un tempo o di uno spazio lontani, anni o chilometri, migliaia di chilometri, condividendo i cambiamenti che attraversano la città».

Stefano Luppi
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista