Quotidiani locali

Stadio Braglia a Modena, ora i tempi si allungano

Vista la situazione del prato si rischiano due mesi di stop, il Comune anticipa i lavori. Il 3 settembre non si potrà giocare

MODENA. Inizieranno subito dopo Ferragosto i lavori di manutenzione del terreno di gioco dello stadio Braglia. Lo ha deciso il Comune dopo aver preso atto delle condizioni del campo e sulla base delle indicazioni contenute nella delibera con la quale la giunta aveva proceduto alla revoca della concessione dello stadio al Modena Fc. Il passaggio formale inizialmente programmato prevedeva un sopralluogo congiunto per valutare le condizioni del terreno di gioco prima che il Comune avviasse l’intervento di manutenzione straordinaria, già approvato, che rientra nel primo gruppo di lavori finanziati con 100 mila euro.

Quelli relativi all’impiantistica sono già iniziati, così come la pulizia straordinaria delle aree per il pubblico. I lavori sul terreno di gioco prevedono in una prima fase la ripulitura dalle erbe secche, la tra semina di nuove, oltre a eventuali sfalci e alla pulizia dalla vegetazione impropria che potrebbe essersi sviluppata in questi mesi di inattività. Nelle seconda fase si procederà agli interventi di manutenzione qualitativa con rasatura, concimazione, aerazione superficiale e trattamenti specifici, per un periodo di circa due mesi. Solo nelle prossime settimane, una volta valutati dai tecnici i risultati dei primi lavori, si potrà definire la tempistica per l’utilizzo agonistico dell’impianto sportivo. È questo l’iter illustrato nella nota inviata dal Comune in seguito al sopralluogo eseguito da tecnici e addetti ai lavori, documentato da immagini che non lasciano spazio a dubbi sulle condizioni in cui versa da tempo lo stadio Braglia. Antonio Caliendo ieri mattina ha invitato alcuni tifosi presenti al bar Stadio a visitare dal vivo l’impianto, per mostrare una situazione “meno critica rispetto a quanto la si sia voluta dipingere” e un campo sul quale “se mi avessero fatto tagliare l’erba si sarebbe potuto giocare anche ora”, oltre che per sottolineare come locali filmati in pessime condizioni, in particolare la palestra interrata usata anni fa per il riscaldamento pre-partita dei giocatori, siano ormai in disuso e colpiti da infiltrazioni per colpa una tubatura rotta di cui l’amministrazione comunale era a conoscenza da mesi. Il rimpallo delle responsabilità non cambia la sostanza: tutti i tifosi hanno visto con i propri occhi lo stadio Braglia e hanno capito benissimo quanto fosse necessario un intervento per restituirgli un volto

degno. Il problema ora riguarda le tempistiche: il 3 settembre c’è Modena-Vicenza. Dire dove si giocherà, ad oggi, è come vincere al Superenalotto. Sicuramente, visti i tempi stimati per i lavori sul campo, non al Braglia. Che sia sfratto o no. (m.c.)
 

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista