Quotidiani locali

In 120 mascherati pronti a pedalare sulla mitica Graziella

Nona edizione della gara goliardica a ridosso di Ferragosto Iscritti di tutte le età poi la salitona da Spezzano a Serra

FIORANO. Centoventi partecipanti iscritti, quasi tutti arrivati al traguardo dopo 25 km di salita, ma soprattutto tanta goliardia e ironia: questi i caratteri distintivi dell' Impresa 2017, la nona “Graziellata” da Spezzano a Serramazzoni, che apre tradizionalmente, sotto l'insegna del divertimento, i festeggiamenti per la Fiera di San Rocco. Tutti rigorosamente in sella a biciclette modello “Graziella”, pieghevoli e con ruote piccole, in 120 si sono dati appuntamento, come accade da 9 anni a questa parte sempre con un grande successo, nella piazza di Spezzano, da dove alle 8.30 è partita “L'Impresa”, tale non tanto per lo sforzo agonistico richiesto ai partecipanti, comunque non indifferente specie per chi non è allenato, e per di più in sella a biciclette tutt'altro che sportive, quanto per gli addobbi e i costumi che la stragrande maggioranza degli “atleti” tradizionalmente indossa. Una specie di carnevale a pochi giorni dal Ferragosto, con travestimenti e biciclette modificate fino a diventare pentole per cannibali, carrozze, cavalli e tandem per ogni genere di goliardia: dalla “morte”, seduta sul manubrio, alla bambola gonfiabile sul portapacchi (in realtà sgonfiatasi misteriosamente a pochi attimi dal via), ma anche bici-bancarella e bici-doccia. All'arrivo sono arrivati circa in 110, con alcuni che, complice la fatica nel salire così agghindati, hanno deciso di avvalesi del mezzo scopa. A vincere come miglior maschera la bicicletta-ombrellone di Saverio Quaranta, che ha raggiunto Serramazzoni con un ombrellone da spiaggia aperto agganciato al telaio e il manubrio della sua graziella trasformato in tavolino, con bibite e cruciverba. «Sarà dura arrivare in cima - ha commentato al via - anche perché l'ombrellone per ora non mi ripara, ma fa da vela. È una bellissima iniziativa e ne ho saltate solo un paio». Tra i partecipanti anche gruppi numerosi, come quello premiato per l'affluenza, arrivato da Castelnuovo Rangone, che ha gareggiato in divisa gialla, con la scritta, censurata, “Enjoy...”. Tra i travestimenti più complessi quello di alcuni veterani dell'Impresa, che hanno trasformato le loro bici in cavalli e carrozza, con dentro Re e Regina, vincendo il premio come gruppo più bello. In gara anche ciclisti provenienti dalla Toscana, che hanno corso in “tandem” con uno scheletro, vincendo sia il premio per il partecipante proveniente da più lontano sia quello per la miglior bici. Tra le maschere anche un messicano, un bagnino in costume femminile per il “servizio doccia”, un manichino da crash test, e tanti super eroi, tra cui “Pattumen” e “Solo carta”, goliardica trovata di Boris
Pistoni che l'anno scorso aveva corso in tenuta da cardinale, impartendo anche la benedizione ai partenti. A dare il via l'assessore Morena Silingardi, che si è complimentata con gli organizzatori per la buona riuscita dell'evento e per l'impegno profuso nell'animare il mese di agosto.

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro