Quotidiani locali

il comitato per il sì 

«Un esposto contro il Comune»

I promotori: «Solo 8 plance per i manifesti, la legge ne prevede 20»

Dopo le schermaglie della campagna elettorale sulla scarsa visibilità contestata dal comitato per il Sì riguardo le affissioni dei manifesti referendari, alle quali il sindaco Bellelli ha replicato che gli spazi erano uguali alle precedenti consultazioni, scoppia ufficialmente la guerra legale tra il Comune e lo stesso comitato.

I componenti della coalizione che ha sostenuto il Sì in vista del referendum di domenica scorsa, infatti, sta valutando l’ipotesi di un esposto contro il Comune. Il presupposto è il regolamento comunale sui manifesti referendari che, secondo i sostenitori della consultazione, concede un numero inferiore di manifesti rispetto a quelli consentiti.

«Su un documento redatto 15 anni fa adottato dal Comune di Carpi è previsto il numero di 8 plance - attacca Alice Aldrovandi, del comitato per il Sì - Invece, la legge dice che nei Comuni da 30 a 100mila abitanti le plance devono essere ricomprese tra le 20 e le 50. Quindi, siamo intenzionati a fare tutto il possibile per fare valere la legge e per capire come mai a Carpi non sia stata applicata».

Il comitato per il Sì, inoltre, è intenzionato più che mai a dar battaglia su Aimag facendo approdare sui banchi del Consiglio comunale il quesito referendario. «Sono invece infondate - fanno sapere dall’ufficio elettorale - le voci secondo cui le liste elettorali risalgono al 2013: sono state aggiornate a 48 ore prima del referendum».

Anche Sinistra Italiana, che ha sostenuto il Sì e che in Giunta conta un assessore, Cesare Galantini, sostiene che «la battaglia comincia adesso. Non cedere a Hera la nostra azienda
è la scelta giusta per riciclare i rifiuti e non incenerirli, per le tariffe più basse. Noi vogliamo che la proprietà di Aimag sia pubblica. Ripartiamo con più entusiasmo di prima: i tanti giovani interessati alla questione e gli oltre 14mila cittadini vanno ascoltati». (s.a.)

TrovaRistorante

a Modena Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon