Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena: spari al Big Bijou in manette Rocco Ambrisi

Minacce e detenzione abusiva di armi da fuoco. Sono queste le accuse che hanno portato all'arresto da parte della Polizia del noto pregiudicato Rocco Ambrisi. L'arresto è stato effettuato nella casa dell'uomo a Castellarano

Spari contro il Big Bijou: il video che inchioda Ambrisi

MODENA Minacce e detenzione abusiva di armi da fuoco. Sono queste le accuse che hanno portato all'arresto da parte della Polizia del noto pregiudicato Rocco Ambrisi. L'arresto è stato effettuato nella casa dell'uomo a Castellarano

Modena, spari contro il night big bijou

...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Spari contro il Big Bijou: il video che inchioda Ambrisi

MODENA Minacce e detenzione abusiva di armi da fuoco. Sono queste le accuse che hanno portato all'arresto da parte della Polizia del noto pregiudicato Rocco Ambrisi. L'arresto è stato effettuato nella casa dell'uomo a Castellarano

Modena, spari contro il night big bijou

I fatti che sono costati l'arresto ad Ambrisi riguardano la sparatoria dello scorso luglio, quando l'uomo dopo essere stato allontanato dal locale Big Bijou, di via Lucca, una piccola, laterale della più ampia via Ghiaroni perchè - in quanto ubriaco - era diventato molesto, tornò poco dopo sparando una serie di colpi da fuoco.

Si trattò di una decina di colpi, forse anche più, esplosi con una pistola automatica, in rapida successione, che crearono il panico nella notte nella zona di via Ghiaroni, dove ci sono anche il Mammut e il Bingo.

Il night club Big Bijou, è un  circolo privato il cui accesso ai locali con le belle ragazze è riservato ai soci che hanno sottoscritto la quota della tessera. E  verso le 3.30 di quella notte Ambrisi svuotò  un intero caricatore di pistola, sparando con accanimento contro l'ingresso del locale che si trova su .

Rocco Ambrisi, noto pregiudicato,è  tuttora sotto processo nell’ambito dell'inchiesta denominata “Gli Intoccabili”: lui nel 2015 finì ai domiciliari perché accusato di usura, estorsione e corruzione. Una volta identificato dalla polizia e portato in questura (la pistola non è stata ritrovata), ha ammesso di aver sparato per intimidire tutto lo staff del locale. E si è trattato di una “potente” intimidazione: spari contro la porta d’ingresso in ferro, ma spari anche all'interno dell'ingresso